Affermazioni gravi

Si annunzia un nuovo intervento di Marcello Pera!! Dopodomani incominciano gli irrinunciabili incontri di Norcia: perbacco! A Cesare e a Dio. Libertà e laicità. Io mi sono perso l’imperdibile discorso di Pera sui meticci, perché cadeva ahimè in agosto. Ma tra agosto ed ottobre c’è stato settembre, e Pera ha parlato, per fortuna. E io, per non farmi trovare impreparato all’appuntamento (e per fare come i giornali, che le ricorrenze le anticipano sempre di qualche giorno), mi sono letto la conferenza tenuta alla Yale University (vai, Presidente!) il 19 settembre. Tema:

La crisi dell’Europa illustrata con la crisi del liberalismo.

il titolo è arguto: occhieggia a Kant, come subito il Presidente spiega. Ma i titoli dei paragrafi sono più chiari. In sequenza: Il problema. La crisi dell’Europa. La crisi del liberalismo. Dalla società libera alla società buona. La nostra tradizione. Perfetto. E per capire il profondo pensiero del Presidente, nella parte, diciamo, costruttiva – dopo che s’è mostrata la debolezza del liberalismo che va a finire nel relativismo – per capirlo, basta un passo, questo:

"Ha detto di recente un eminente cardinale italiano: «una persona che viene nel nostro paese ha la sua identità, la sua cultura, la sua religione. So che tutto questo implicherebbe un discorso di reciprocità: ma non possiamo metterci al livello di quelli che non ti fanno esporre un crocifisso, ti impediscono di girare con una Bibbia o ti incarcerano se ti sorprendono a pregare. Noi questo non possiamo permettercelo». Io credo invece che dovremmo permettercelo. Credo anche che se non ce lo permettiamo, se non offriamo e chiediamo rispetto agli altri, la nostra crisi si aggraverà". Capite? Il Cardinale dava lezioni di liberalismo a Pera, ma Pera no, non scherza: i cristiani non posono girare con una Bibbia o non possono pregare? E noi impediamo ai musulmani italiani di pregare! Giusto! Chi la fa l’aspetti! E’ la società buona di Pera (oh, com’è buona!). Buona: cioè "stabile" e "identitaria": "Come membri di un demos, noi non vogliamo solo una società libera, vogliamo anche una società virtuosa. Non vogliamo soltanto una società aperta, vogliamo anche una società buona. Non vogliamo soltanto una società plurale, vogliamo anche una società identitaria".

Ma ci sarà pure un sindaco a Lucca, che non si piega!

Una risposta a “Affermazioni gravi

  1. ma dov’è il banner “I love Pera”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...