D'accordo

In un sondaggio di Prospect magazine e Foreign Police, Noam Chomsky è stato votato l’intellettuale più influente al mondo (soffiando la palma al nostro Umberto Eco), e il Guardian se ne è lungamente occupato. Nel cappello, le sue opinioni sono riassunte così: 1. praticamente ogni presidente USA si è macchiato di crimini di guerra; 2. riconsiderati nel contesto della storia cambogiana, i khmer rossi non erano così tremendi; 3. il massacro di Srebenica è stato probabilmente un tantinello sovrastimato. Interessante è l’osservazione del giornalista, che si chiede come diavolo faccia Chomsky, ancora di recente professore di linguistica a tempo pieno al MIT di Boston, ad avere un’opinione ben fondata su tutti i conflitti che avvengono nel mondo: supplisce per caso alla mancanza di dati con l’ideologia?  Chomsky serafico risponde: "i migliori scienziati non sono quelli che conoscono più dati, ma quelli che sanno cosa cercano"

Non si può non esser d’accordo.

5 risposte a “D'accordo

  1. >”i migliori scienziati non sono quelli che conoscono più dati, ma quelli che sanno cosa cercano”
    Non si può non esser d’accordo.

    Oh sì che si può.
    E’ bene diffidare di quelli che trovano proprio quello che si aspettavano di trovare.

  2. saper cosa cercare non vuol dire sapere cosa si trova

  3. per carità, tanto di cappello. Ma il massacro di 7000 persone non è cosa da liquidare con tanta disinvoltura.

  4. Nulla è da liquidare con disinvoltura, di ciò che Chmosky liquida

  5. Massimo rispetto per Chomsky. Il primo posto lo vale tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...