Archivi del giorno: gennaio 16, 2006

Dalle carte di Teganistene rinvenute dopo la morte

Dopo il suicidio improvviso di Teganistene (nei commenti), Brasmenide ha pensato: "possibile che non abbia lasciato almeno un biglietto? Frugare tra le carte del defunto non è cosa conveniente, senza l’autorizzazione del magistrato che conduce le indagini, ma non lo è nemmeno la sbobinatura delle conversazioni private. E poi qualunque cosa venga dalla sua penna è preziosa, e questo mi autorizza a scartabellare". E così, infilato a mezzo sotto una copia del Mallaeus maleficarum che campeggiava sulla scrivania del suo studio, ha trovato questo piccolo appunto, che qui viene riportato:

Cazzo! Mi sono dimenticato del suo amato Merleau-Ponty! Io vado a chiedergli se il razionale è criterio del reale, e quello mi porta un po’ in giro, se ne inventa di domande, ma intanto ha già la risposta in tasca e aspetta solo di tirarla fuori! Ecco, l’ho trovato: Il visibile e l’invisibile: praticamente tutto il libro!! Che vergogna, meglio suicidarsi, prima che mi citi questo: Come sforzo per fondare il mondo esistente su un pensiero del mondo, la riflessione si ispira in ogni istante alla presenza preliminare del mondo. Meglio spararsi in bocca, prima che mi infilzi con questa: il reale è coerente e probabile perché è reale, e non reale perché è coerente. Meglio scomparire, piuttosto che sentirsi dire (io, un membro della Direzione dei radicali!) che dire che una cosa è reale perché regge al controllo razionale è definirla reale non per ciò che ci dà, ma per ciò che in essa resiste all’ipotesi di inesistenza, è imporre all’innocente la prova della sua non colpevolezza, e ridurre anticipatamente il nostro contatto con l’essere alle operazioni discorsive con le quali ci difendiamo contro l’illusione. Che scorno! Cazzo, cazzo, e cazzo!

Il magazzino delle parole

Stavolta comincio dalla goccia, che ovviamente è Musil, e riguarda le redazioni dei giornali. Con Consorte Musil e il regolo di Merlo, torno in seconda pagina sul pastrocchio, con qualche considerazione in più su sinistra e ideali.