Chi arriva prima

Giulio Ferroni recensisce Alessandro Baricco Questa storia, e scrive: "Baricco si pone probabilmente come il Valentino Rossi della letteratura".

(E’ accaduto questo: che Citati e Ferroni hanno dedicato qualche velenosa battuta a Baricco. Che Baricco ha replicato formidabilmente. Altri sono intervenuti. Poi ha replicato lo stesso Ferroni, che tra l’altro ha ricordato che non è vero, come lamenta la scrittore, che lui non abbia letto e recensito Baricco. Wittgenstein ha linkato la recensione, da cui ho prelevato il giudizio di sopra).

Musil scriveva, un po’ di tempo fa: "E un giorno anche Ulrich smise di voler essere una speranza. A quel tempo s’incominciava già a parlare di geni del foot-ball e del ring, ma nelle cronache dei giornali trovava posto tutt’al più un geniale centro-avanti o un grande tennista ogni dieci geniali inventori, tenori o scrittori. Lo spirito nuovo non si era ancora saldamente affermato. Ma proprio allora Ulrich lesse su un giornale, come il primo presagio di una rigogliosa estate la frase ‘un geniale cavallo da corsa’. Era la cronaca di un sensazionale concorso ippico, e forse l’autore non era neanche cosciente della straordinaria trovata che lo spirito collettivo gli aveva suggerito […] Durante tutta la sua gioventù trascorsa nelle caserme, Ulrich non aveva quasi udito parlare d’altro che di cavalli e di donne; sfuggito a quell’ambiente per diventare un uomo notevole, ecco che, quando, dopo alterne vicende, avrebbe dovuto sentirsi vicino alla meta dei suoi sforzi, lo salutava di lassù il cavallo geniale che era arrivato prima"

8 risposte a “Chi arriva prima

  1. E continua: “Che cosa accade […] quando il tipo umano volubile definisce geniale un giocatore di tennis? Omette qualcosa. E quando chiama geniale un cavallo da corsa? Omette ancora di più. Se chiami scientifico un calciatore, pieno d’ingegno uno schermidore, o parli della tragica sconfitta di un pugile, omette sempre qualcosa. Esagera; ma è l’imprecisione che produce l’esagerazione, così come in una piccola città l’imprecisione dei concetti fa sì che il figlio del negoziante sia considerato un uomo di mondo.” (p. 440)
    ciao,
    ezio

  2. Massimo, ho trovato più formidabile la presa per i fondelli a Baricco attuata oggi sul Foglio. L’hai vista?
    Non che sia formidabile in sé (è solo divertente): è che non ho trovato nulla di formidabile nella replica di Baricco.
    Se ne hai voglia, mi spieghi perché per te è formidabile?
    Friedrich

  3. utente anonimo

    Per Luca Sofri è formidabile

  4. Anche per è formidabile. Molto umana, molto fragile, molto dolce, molto onesta.

  5. utente anonimo

    anch’io trovo Baricco tutt’altro che formidabile: autoreferenziale, ripetitivo, pieno di sé.

  6. utente anonimo

    anche performativo e ammiccante, come sottilinea giustamente Ferroni

  7. A margine: ma il cavallo geniale è parente del cavallo goloso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...