Diagnosi e prognosi

"I cittadini europei non sono più integrati nei valori europei – o francesi -, e possono solo sbolognarli a quelli che europei non sono". L’integrazione è la politica ufficiale, ma integrazione in cosa? "In banalizzato, tecnicizzato, grasso stile di vita, accuratamente protetto dal mettere in questione se stessi. Il problema di gran lunga maggiore per l’Occidente è interno, non esterno (l’avete già sentita, vero?): è la sua perdita di realtà.

E con la perdita di realtà, avete capito di chi si tratta: di Jean Baudrillard. La cui idea è: l’Occidente è vuoto, e si riempie solo grazie al desiderio altrui, "La superiorità della cultura occidentale è sostenuta solo dal desiderio del resto del mondo di farne parte. Quando c’è il minimo segno di rifiuto, il più piccolo riflusso di quel desiderio, l’Occidente perde il suo potere di seduzione ai suoi stessi occhi". E questo vale con gli immigrati come con l’Islam, a livello locale come a livello globale. Ed è quel che sta succedendo, secondo Baudrillard: i rivoltosi delle periferie francesi "preferiscono vedere le auto bruciare piuttsto che sognare di guidarle un giorno".

Questa è la nuova sinistra. La vecchia è quella che sogna il progressivo e nn aggressivo acclimatamento di tutte le culture nello stesso spazio occidentale, e mondiale. Ma Baudrillard incalza:

"Naturalmente, nulla impedisce che i nostri illuminati politici e intellettuali considerano la rivolta di autunno [nelle banlieues] come incidenti minori sulla strada della riconciliazione democratica di tutte le culture. Tutto indica che, al contrario, che si tratta di fasi successive di una rivolta di cui non si vede la fine".

Sicché parrebbe di capire: la sinistra riformista e democratica dà un’indicazione prognostica sulla base di una diagnosi completamente errata, mentre la nuova sinistra radicalmente critica ha la diagnosi giusta, ma ha solo prognosi infauste. Stiamo bene combinati

(E se ci fosse modo di pensare che il non essere integrati in valori europei non significa solo essere dis-integrati, andare in frantumi? Se si trattasse di costruire uno spazio del genere?)

3 risposte a “Diagnosi e prognosi

  1. dubito che baudrillard sia così stupido da dire ciò che, isolando la frase, sembra dire. quelli della banlieu preferiscono veder bruciare le auto piuttosto che vedere altri che le guidano. il loro desiderio non ha mutato direizione, ma solo mezzo per esprimersi. ed è noto che quando gli animali non possono ottenere ciò che desiderano si danno a comportamenti irrazionali, detti “attività di compensazione”. la frustrazione, che viene sempre prima della violenza, è lo stato in cui noi siamo e necessariamente dobbiamo essere, a causa della crescita perenne del desiderio e del suo valore economico.

  2. utente anonimo

    C’è il link: anche a oliviero pare che Baudrillard (un signore che non conosco) dica proprio così

  3. non ti aspetterai che uno segua i link.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...