Quiete

Piove. A dirotto. Manca la corrente. Io devo uscire per acquistare il regalo di matrimonio per il poeta autostradale che sposa sabato. Ma la macchina è in garage, l’apertura del garage è elettrica e dunque con il telecomando non si apre. Bisogna sbloccare la porta basculante con la chiave e aprirla manualmente.
Già, ma dov’è la chiave? Non riesco a trovare la chiave. Non c’è verso. Mi viene il dubbio che sia saltata la corrente solo a casa mia. Devo controllare il contatore. Il contatore è fuori, oltre il cancello del garage.
Devo uscire dalla porta principale, e dal cancelletto del giardino. Ma il cancelletto è, anch’esso, elettrico. Anche lì: mi ci vuole la chiave.
Già, ma dove sono le chiavi di casa? Non riesco a trovare le chiavi di casa. Temo di averle lasciate nella macchina che ha preso Barbara per andare al lavoro. E adesso, come faccio a uscire?
Lascio la porta di casa aperta, scavalco il cancelletto sotto la pioggia a dirotto, corro fino al contatore, verifico che non c’è niente da fare: la corrente è saltata.
Riscavalco il cancelletto, cado per terra, e ben inzuppato rientro in casa.
E mi metto quietamente ad aspettare.

10 risposte a “Quiete

  1. la connessione internet ha un suo gruppo elettrogeno dedicato?

  2. ah, di baudrillard sarebbe utile leggere de la sèduction, per archiviare definitivamente il diario di s.k.

  3. Prendila con filosofia.

  4. utente anonimo

    Tantissimi auguri al Forcellino (apprezzato poeta autostradale…)!

  5. utente anonimo

    post più interessante della media.

  6. Il computer portatile ha la batteria: ci potevi arrivare.
    (ma caro acido signore, com’è che hai tutti questi bisognini da soddisfare ultimamente?)

  7. adinolfi, io porto la coda di cavallo. lui parrebbe di no. piuttosto lunga, si intravede in monte di dio tra jacob e vinci.

  8. Ma il blog è uno, quindi per me, caro adlimina, sei acido signore.

  9. utente anonimo

    Ernestino si sposa????? ma dai!!!!!! non ci posso credere!e io che credevo non fosse neanche fidanzato….
    non era forse meglio un DICO invece ke DIRLO IN CHIESA????
    il mio suggerimento giunge in palese ritardo, of course.
    L’utente latente che tende e attende.

  10. ti facevamo più astuto, pero’. o no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...