Gli studenti e i professori

Dopo i fatti accaduti al Cibali, e la morte dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, i ragazzi del liceo classico Spedalieri di Catania stendono un documento, che appare sul giornale La Sicilia, in cui fra l’altro scrivono:

"Noi abbiamo bisogno che qualcuno ci aiuti a trovare il senso del vivere e del morire, qualcuno che non censuri la nostra domanda di felicità e di verità. Noi riteniamo che la scuola possa costituire una spazio adatto per questa ricerca e che liberamente uno possa verificare tutta la positività e il bene che la realtà ci promette. Dentro le cose che studiamo , dentro il tempo scolastico, dentro il rapporto con i professori.
Per questo chiediamo innanzitutto ai prof e alla scuola intera che ci prendano più sul serio, che prendano sul serio le nostre vere esigenze".

La risposta di preside e professori (trovata parzialmente qua): "Non possiamo né vogliamo darvi delle risposte, ma prepararvi affinché siate voi non solo a chiedervi quale sia il senso della vita ma anche a riuscire ad individuare, tramite lo studio del cammino culturale dell’uomo sociale, la risposte adeguate al vostro percorso. Proporvi, o imporvi, delle verità è integralismo, cioè barbarie, e pertanto questo atteggiamento non può avere luogo nella scuola pubblica, cioè democratica e laica".

Forse tra proporre e imporre qualche distinzione andrebbe fatta. E immaginare che si possa fare lezione intorno a qualsiasi tema, limitandosi a riferire su un piede di parità le opinioni di tizio, caio e sempronio (e ogni altra possibile opinione) è una palese scemenza. Il che però non significa che bisogna insegnare che tizio dice il vero, e caio e sempronio e tutti gli altri il falso.

Se un professore non vede alternativa all’infuori di queste due, non è un bravo professore.

 

5 risposte a “Gli studenti e i professori

  1. neanche il borotalco è neutro … in fondo

  2. Andiamoci piano, son temi, questi, come la libertà d’insegnamento, molto delicati, da trattare con la dovuta attenzione.
    Io capovolgerei il problema: come si può pensare di insegnare qualcosa in cui non si crede? forse si possono trasmettere nozioni, ma quel processo unico e magico che ci ha fatto amare il Foscolo piuttosto che il calcolo integrale parte solo dalla passione di chi insegna.
    Il pluralismo è un obiettivo del sistema, non del singolo.
    Scusa l’eccesso.
    Con simpatia
    Ugolino

  3. utente anonimo

    Giustissimo

  4. D’accordo. Non poco. Parecchio.

  5. ripenso ai migliori tra i miei professori, e non credo che mi abbiano aiutato granche’ a “trovare il senso del vivere e del morire”. Pero’, che mi abbiano aiutato in altri modi importanti, questo mi sembra certo. Insomma, per dire che le richieste di questi studenti mi sembrano davvero malposte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...