Lavavetri

Su Il Mattino, il mio modesto parere.

5 risposte a “Lavavetri

  1. utente anonimo

    Effettivamente il carcere per un disgraziato che gira con secchio e paletta è troppo, pero’ non bisogna dimenticare che dietro c’è un racket mostruoso. In tutti i sensi, sia per violenza che per fatturato.
    tcp

    comunque la notizia che mi ha disgustato oggi, è quella uscita sull’Espresso:
    tanti politici che hanno acquistato appartamenti a Roma a prezzi assolutamente fuori mercato.
    Se la procedura è stata regolare( cioè avevano diritto di prelazione,etc.), bè il fattaccio sarà solo una ennesima delusione per chi è governato da questi furbetti di quartino…
    concludo facendo notare che mastella come al solito si è distinto dal gruppo:
    non si è accontentato di un solo appartamento(sarebbe stata quasi una debolezza umanamente comprensibile), ma se ne è aggiudicati ben 5, e pare intenda prenderne altri..
    per chi fosse interessato :

    Quei figli di papà in via Arenula
    La prelazione spettava all’Udeur, ma l’acquisto vantaggioso nel cuore di Roma lo fanno Elio e Pellegrino Mastella Il motto dell’Udeur è ‘la famiglia prima di tutto’. Clemente Mastella lo ha applicato alla lettera quando si è trovato di fronte a una grande occasione: acquistare a un ottimo prezzo l’appartamento che ospita la redazione del giornale del partito. Invece di intestare tutto all’Udeur, il segretario ha preferito far comprare alla società dei figli, Elio e Pellegrino. Permettendo loro un vero affarone. Se vendessero oggi potrebbero incassare una plusvalenza da un milione di euro.

    Tutto inizia il 7 aprile del 2005 quando il consorzio che cura le vendite dell’Inail scrive all’Udeur, in qualità di inquilino, per offrirgli di acquistare l’appartamento dove ha sede il giornale del partito al prezzo di un milione e 452 mila euro più Iva. Prendere o lasciare. Mastella prende e fa bene. Stiamo parlando del quarto piano di Largo Arenula 34, pienissimo centro con affaccio su Largo Argentina. Un appartamento quasi identico, al primo piano dello stesso stabile, è stato ceduto nel 2006 dall’Inail a 1,4 milioni ed è stato rivenduto nel 2007 per 2 milioni e 350 mila più 100 mila euro di commissioni. La letterina che offre l’acquisto all’Udeur equivale a un assegno circolare che andrebbe incassato subito.

    La prelazione spetta al partito, che è intestatario del contratto di locazione. Stranamente invece l’Udeur comincia un balletto di sigle e lettere. Prima sembra che acquisti ‘Il Campanile nuovo’ la cooperativa che edita il giornale. Poi invece acquista la società ‘Il campanile Srl’. Tra le due c’è una bella differenza. Nel lontano 2001 anche ‘Il campanile Srl’ era la casa editrice del quotidiano ma ora, a dispetto del nome, è diventata qualcosa di ben diverso. Dopo aver incassato 480 mila euro di contributi per coprire i costi affrontati per il quotidiano nel 2000-2001, ha ceduto il campo alla cooperativa, come vuole la nuova legge.

    La srl ‘Il campanile’ sembrava destinata alla rottamazione quando Clemente Mastella la ricicla per comprare l’appartamento di largo Arenula. L’atto doveva essere fatto entro ottobre del 2005 ma prima di firmare il segretario cambia opportunamente i connotati alla società. Il Campanile, diventa una società della sua famiglia. Prima era intestata a Tancredi Cimmino, l’ex tesoriere che nell’aprile del 2006 si candida con Di Pietro e viene trombato. Dopo le elezioni, nel maggio del 2006, Cimmino cede tutto a Clemente Mastella (che già aveva un 10 per cento della società).

    Pochi giorni dopo il ministro della Giustizia gira le quote ai figli, Pellegrino ed Elio. Ora tutto è pronto per il grande acquisto. Il 10 luglio 2006 finalmente la società dei Mastella compra l’appartamento al quarto piano. Non basta. La srl cambia oggetto e si trasforma da semplice società editrice in azienda a tutto campo che può occuparsi di giornali ma anche di acquisizioni immobiliari, pubblicità, import-export, ristrutturazione di casali, attività turistiche e finanziarie. Poi muta anche il nome: ora si chiama ‘Servizi e Sviluppo’. Una volta acquisita la sede, addio Campanile.

    Oggi i figli di Mastella sono proprietari dell’appartamento e il giornale (che aveva più diritto di loro a comprare) è solo l’inquilino. Alla fine di questo giro tortuoso sono due le cose che sorprendono: una società finanziata dallo Stato con 480 mila euro nel biennio 2000-2001 per editare la testata del partito è diventata nel 2006 l’immobiliare privata dei figli del leader, scavalcando ogni distinzione tra interessi pubblici e affari privati che, anche in un partito a conduzione familiare, dovrebbe restare sacra. Inoltre la società di Pellegrino ed Elio ha fatto l’affare della sua vita grazie alla rinuncia del partito di papà a esercitare un suo diritto.

    “Non c’è nulla di strano”, dice il tesoriere dell’Udeur Pierpaolo Sganga, “l’acquisto è stato fatto senza alcuno sconto e senza alcun favoritismo, seguendo rigorosamente le procedure stabilite”. Sganga annuncia che il partito sta per concludere un secondo colpo, ancora più grande, nello stesso palazzo. Anche i due appartamenti del secondo piano che ospitano la sede nazionale dell’Udeur presto saranno venduti all’inquilino. Un affarone che vale il doppio di quello già concluso: sono 21 vani contro i 9 dell’appartamento del quarto piano. Stavolta chi comprerà? Dalle carte depositate in conservatoria spunta una lettera dell’Inail del 2005 nella quale l’ente riconosce la prelazione per questi appartamenti, come per quello già venduto, alla solita società ‘Il campanile Srl’ oggi ‘Servizi e Sviluppo’ dei Mastella. A ‘L’espresso’ il tesoriere Sganga giura: “Comprerà l’Udeur”.
    M. L.

    Casa Nostra
    di Marco Lillo
    Ministri, presidenti delle Camere, sindacalisti, politici. Attuali ed ex. Hanno acquistato attici e appartamenti da enti pubblici o da privati a prezzi di favore. Rendendo doppio il privilegio che spesso già avevano come inquilini. Ecco nomi e cifre dell’ultimo scandalo immobiliare INTERATTIVO: LA MAPPA DEGLI APPARTAMENTI

    LE FOTOQuei figli di papà in via Arenula
    Il motto dell’Udeur è ‘la famiglia prima di tutto’. Clemente Mastella lo ha applicato alla lettera quando si è trovato di fronte a una grande occasione: acquistare a un ottimo prezzo l’appartamento che ospita la redazione del giornale del partito. Invece di intestare tutto all’Udeur, il segretario ha preferito far comprare alla società dei figli, Elio e Pellegrino. …
    Leggi tutta la schedaCi sono ministri e leader di partito, ex presidenti del Parlamento e della Repubblica, magistrati e giornalisti. La nazionale dell’acquisto immobiliare scontato è talmente vasta e assortita che ci si potrebbe fare un ottimo governo di coalizione. Si va dall’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga ai presidenti della Camera e del Senato del primo governo Prodi: Luciano Violante e Nicola Mancino.

    Dalla famiglia del presidente dell’Udc Pier Ferdinando Casini a quella del ministro della Giustizia Clemente Mastella passando per la figlia del deputato di An Francesco Proietti. C’è il candidato leader del Partito democratico, Walter Veltroni e il presidente del Senato Franco Marini. Non mancano la Borsa, con il presidente della Consob Lamberto Cardia e il mondo del lavoro con il segretario della Cisl Raffaele Bonanni. C’è il senatore Udc Mario Baccini e il responsabile della Margherita in Sicilia Salvatore Cardinale. Situazioni diverse tra loro che talvolta convivono nello stesso palazzo.

    Prendiamo lo stabile Inpdai di via Velletri, a due passi da via Veneto. Al primo piano la moglie di Walter Veltroni ha comprato più o meno allo stesso prezzo pagato dall’ex sottosegretario Marianna Li Calzi che abita al quarto. Ma le due storie sono diverse. Li Calzi ha ottenuto il suo attico alla vigilia della svendita a seguito di una discussa procedura pubblica. Veltroni invece è nato nelle case dell’ente previdenziale dei dirigenti. L’Inpdai aveva affittato sin dal 1956 un appartamento al padre
    , dirigente Rai. Nel 1994 i Veltroni restituirono all’ente i due alloggi nei quali vivevano Walter e la mamma per averne in cambio uno più grande, il famoso primo piano di via Velletri da 190 metri quadrati che nel 2005 è stato acquistato dalla moglie del sindaco, Flavia Prisco, per 373 mila euro. Il prezzo è basso per effetto non di un’elargizione personale ma per il meccanismo degli sconti collettivi concessi a tutti allo stesso modo. Altra cosa ancora sono gli acquisti delle case dell’Ina ora finite a Generali e Pirelli. Questi colossi privati in alcuni casi si sono comportati come spietati alfieri del libero mercato.

    Altre volte hanno fatto prezzi bassi per blocchi di appartamenti finiti poi a famiglie dai nomi noti come Mastella e Casini. Scelte discutibili per società quotate in Borsa come Pirelli e Generali che dovrebbero puntare solo al profitto e che, evidentemente, hanno pensato di fare gli interessi dei propri azionisti cedendo appartamenti ai politici e ai loro amici a valori bassi. Insomma, ci sono differenze radicali tra venditore privato e ente pubblico ma anche all’interno delle due categorie. Se non bisogna far di tutta l’erba un fascio però ci sono due cose che accomunano i protagonisti della nostra inchiesta: sono potenti che hanno pagato troppo poco ieri per l’affitto e oggi per l’acquisto.

    Inoltre nella maggioranza dei casi in quegli immobili sono entrati grazie a conoscenze, entrature e amicizie. Questa disparità di trattamento con i comuni mortali non è una novità. Emerse con violenza populista nel 1996 durante il primo Governo Prodi grazie alla campagna ‘Affittopoli’ de ‘il Giornale’ di Vittorio Feltri. Oggi quegli stessi immobili affittati dieci anni fa ad equo canone sono stati svenduti definitivamente e il privilegio è stato reso eterno….

  2. utente anonimo

    cmq il 14,15 e 16 settembre a modena c’è il festival della filosofia..
    sei invitato in padania!!
    ci sarà il grande Rifkin, Anthony Appiah della princeton, Jemes Hillman ,Augé, Jullien, Bauman, Savater, Severino, Galimberti, Bianchi, Ravasi, Rodotà e Vegetti Finzi..
    tcp

  3. utente anonimo

    Sono favorevola all’ordinanza contro i lavavetri: puliscono spesso male i vetri (rigandoli a volte), li puliscono anche quando rifiuti (gettandoti poi acqua sporca o sapone quando si accende il verde se non prendono soldi), sono aggressivi ed insultanti, camminano in mezzo alla strada tra le due corsie anche quando il semaforo è verde (c’è il rischio di metterli sotto). Insomma vanno tolti dai semafori.

  4. Sganga? uhm….
    (and who cares of m.a.’s opinion)

  5. Massimo, constatato che il sito del Mattino non è il massimo della leggibilità (quando c’è un pdf da leggere, il che non sempre è dato), perchè non posti i tuoi editoriali il pomeriggio o il giorno dopo, ma sul sito (segnalando che l’hai pubblicato anche sul Mattino)?

    girolamo

    PS: a Modena ci sono anche Bodei e De Monticelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...