Archivi del giorno: novembre 26, 2008

Segreti

Io: – Beh, com’è andata a scuola? -.
Enrico: – Non mi ricordo -:
Io: – Come non ti ricordi? Non ti ricordi niente? -.
Enrico: – No, niente –
Io: – Ho capito. Peccato. Io volevo dirti un segreto -.
Enrico: – Quale segreto? -.
Io: – Eh. Un segreto. Tu ce l’hai un segreto? -.
Enrico: – Sì -.
Io: – Ma quello che hai fatto a scuola è un segreto? –
Enrico: – Sì -.
Io: – Allora facciamo che tu racconti il tuo segreto a me e io il mio a te? -.
Enrico (dopo averci pensato un bel po’): – Va bene -.
Io: – Allora: cosa avete fatto a scuola? -.
Enrico: – Io, Umberto e Esther abbiamo fatto una guerra contro tutti gli altri -.
Io: – Ah! -.
Enrico: – E qual è il tuo segreto, papà? -.
Io: – Il mio segreto è che non ho segreti -.
Enrico: – No. Adesso me lo devi dire un segreto -.
Io: – Te l’ho detto. Il mio segreto è proprio questo, che non ho nessun segreto. Nessuno lo sa. Adesso lo sai solo tu -.
Enrico: – Ma allora ce l’hai un segreto! -.
Io: – Già -.
Enrico: – Però non vale, papà! Mi devi dire un segreto vero! -.
Io: – Ma è verissimo che non ho segreti. E solo tu lo sai! -:
Enrico: – Papà, ma mi fai arrabbiare sempre! Io te l’ho detto -.
Io: – Anch’io te l’ho detto, in segreto -.
Enrico: – Ma io non ho capito se ce l’hai o non ce l’hai, un segreto! -.
Io: – Non ce l’ho, ma nessuno lo sa. Te l’ho detto: lo sai solo tu! -:
Enrico: – Uffà, papà! –