Archivi del giorno: novembre 27, 2008

Cenerentole di tutto il mondo, unitevi!

(E soprattutto andate a casa, che a mezzanotte finisce l’incantesimo e compare la terza puntata di "Europa, Occidente", in replica su Red TV)

La proposizione perfetta/10

"Non tutto diventa politica, sebbene la politica sia tutto"

(Questa proposizione perfetta appartiene alla tradizione orale del pensiero. Le altre proposizioni perfette possono essere ritrovate a partire da qui)

Poèsia

Solo la cultura
ti eleva a dignità umana.
Solo la cultura
t’insegna a vivere tra uomini.
Solo la cultura
ti aiuta a combattere
questi nostri tempi inquinati
che ci negano la gioia
che pur potremmo godere
se ad ogni esistenza
fosse lasciato di progettare
il proprio futuro.
Solo la cultura:
è fune solida,
per arrampicarci al cielo
almeno quello della speranza
per costruire un uomo umano
(Non so se esista qualcuno che abbia mai scritto una roba simile, chiamandola poesia. Se anche esistesse, non mi augurerei mai che fosse un dirigente scolastico. E se anche fosse un dirigente scolastico, non vorrei mai che un tal uomo avesse del proprio talento poetico una considerazione tale, da dettare i suoi versi a una classe di alunni di quinta elementare. E ove mai lo facesse, l’ultima cosa che vorrei è che li abbinasse a una pagina di Platone. E se proprio dovesse concedersi l’ardito abbinamento dei propri versi con le parole di Platone, e per esempio con il libro VIII della Repubblica, e con quel passo in cui Platone ha di mira l’eccessiva libertà di quello Stato, in cui il padre teme i figli e l’insegnante gli allievi (però proponendolo senza tirare in ballo gli uomini e le donne comprati che non sono meno liberi dei loro compratori, per non dovere dare troppe spiegazioni), beh: spererei che almeno, in un soprassalto di dignità, non pretendesse di commentare e spiegare: i propri versi e la Repubblica di Platone, magari in mezzo a maestre troppo zelanti pronte a chiedere, salutato il Direttore, che il commento sia almeno di otto pagine.
Ma in realtà non posso escludere che un uomo umano del genere qualcuno l’abbia costruito davvero, gratificandolo del titolo di dirigente scolastico, per mandarlo veramente in giro per le classi, con i suoi versi immortali).