Santoro, Annunziata e non solo

La misura doveva essere davvero colma, se Lucia Annunziata ha preso cappello e se n’è andata. Di fronte al coro di reazioni e di critiche severe alla conduzione faziosamente anti-israeliana della trasmissione, Michele Santoro ha scelto la strada consueta: quella di ergersi a immacolato paladino della libertà di informazione e di gridare alla censura, senza mostrare la benché minima disponibilità a chiedersi cosa mai potesse avere spinto un ex presidente della RAI a lasciare polemicamente gli studi di Annozero, nella puntata dedicata alla guerra a Gaza.
E ha fatto molto male, perché qualche motivo di riflessione la protesta di Lucia Annunziata poteva offrirglielo. L’Annunziata non è infatti un colono israeliano ultraortodosso, ma è colei che nel 2006, dopo la vittoria elettorale di Hamas a Gaza, alla domanda di un lettore del suo giornale che le chiedeva se "c’è davvero da aver paura di Hamas" rispondeva monosillabicamente di no. Rispondeva che la politica è "l’arte di trattare con la realtà", che la realtà ha dimostrato che "ogni avventura militarista deve alla fine sfociare in una trattativa" e che "la guerra non è una soluzione". Non si nascondeva certo il carattere terroristico di Hamas, ma invitava i governi occidentali a trovare le giuste misure per non assecondare la radicalizzazione dell’islamismo, nell’area e in tutto il Medioriente, e favorire anzi il processo opposto. Come si vede, non sono le opinioni di un nemico giurato del popolo palestinese. Eppure giovedì si è alzata e se n’è andata.
L’anno dopo, nel 2007, al momento dell’apertura informale dei contatti fra gli Stati Uniti e i cosiddetti paesi canaglia, quei paesi cioè che Bush aveva collocato nel 2002 lungo il famoso asse del male, e cioè Siria e Iran (che ad Hamas fornisce le armi) Lucia Annunziata aveva criticato i complessi che affliggono il centrosinistra, preoccupato di mostrarsi più realista del re e di escludere quindi la sia pur minima iniziativa che potesse servire a frenare "l’ulteriore degenerazione" di Hamas. L’ulteriore degenerazione c’è poi stata, purtroppo: la tregua è stata rotta, e i missili lanciati. E Israele ha reagito usando la mano pesante. Ma come si può pensare che una persona che, come si vede, non ha risparmiato gli inviti al realismo durante questi anni, e che ha addirittura denunciato "la paralisi emotiva e intellettuale" la quale condanna a pagare, a sinistra, il prezzo dell’ostilità a Israele di settori dell’opinione pubblica più radicale con una lealtà passiva e acritica verso Israele ("anche quando non è necessaria") – come si può pensare che chi ha di queste idee, si alzi e se ne vada nel bel mezzo di una trasmissione se davvero la misura non è colma, e la rappresentazione delle ragioni del conflitto insopportabilmente sbilanciata?
Quella di Santoro non è l’unica faziosità in campo, perché è il campo stesso della politica italiana che appare fazioso. E forse, ancor più che fazioso, immiserito da polemiche a uso esclusivamente interno, buone per posizionarsi nel famigerato teatrino della politica ma non per misurarsi con le cause reali del conflitto. Accade così che le ragioni difese dall’Annunziata (e riprodotte sopra con le opportune virgolette) tornino per larghi tratti nelle parole usate nelle scorse settimane da Massimo D’Alema per divenire oggetto di una polemica di segno opposto, ma altrettanto faziosa e pretestuosa. Non diversamente dall’Annunziata, D’Alema si è chiesto cosa fare con Hamas, una volta che non è più un "piccolo gruppo cospiratorio" ma un’organizzazione politica di massa. Senza negare il carattere terroristico degli attacchi missilistici, D’Alema si è chiesto se la guerra sia la soluzione, e se non debba anche questa avventura militarista sfociare infine in una trattativa necessaria. Infine, come anche Lucia Annunziata ha scritto, D’Alema ha criticato la mano dura di Israele, lamentando (non solo per ragioni umanitarie) la sproporzione di un intervento che rischia di allontanare e non avvicinare la pace nella regione, radicalizzando l’opinione pubblica mediorientale e allungando la scia di odi e rancori. Sono valutazioni su cui naturalmente si può e si deve discutere, ma non le si può ricondurre strumentalmente a un fosco pregiudizio anti-israeliano, visto che costituiscono semplicemente prove di quell’esercizio di realismo di cui ha dato segno la stessa Lucia Annunziata che giovedì abbandonava gli studi di Santoro, indignata dai pregiudizi (quelli sì) dell’eroico tribuno dei popoli oppressi. Sono peraltro le posizioni su cui si sono attestate anche la Francia di Sarkozy, l’Egitto di Mubarak, l’ONU di Ban-Ki Moon: segno perlomeno che non sono campate in aria.
Ma prevale la paralisi: paralisi emotiva, paralisi intellettuale, e soprattutto paralisi politica. Di cui si stenta a ritrovare la strada preferendo, invece di "trattare con la realtà", rappresentarsela secondo i propri desiderata, in funzione di bersagli politici casalinghi, polemiche domestiche, e baruffe nostrane.
E a Gaza bisognerà infine che la si ritrovi, quella strada, contando fino a dieci prima di sparare ancora; da queste parti, più modestamente, contando fino a dieci prima di parlare.

11 risposte a “Santoro, Annunziata e non solo

  1. utente anonimo

    AH! Perchè, come scrivi, Israele *HA REAGITO* ad una interruzione unilaterale della tregua da parte di Hamas ?

    Uhmmmm…mi sa tanto di paccottiglia propagandistica…

    senza nome

  2. Caro senza nome, desumere da quel passaggio che io consideri che l’azione di Israele sia solo una reazione e in quanto tale in toto giustificata sa tanto di paccotiglia, che non nobiliterei nemmeno con l’aggettivo propagandistica.

  3. utente anonimo

    ah! Rigiri la frittata!

    Bene. Studiati l’andamento della tregua – GIORNO PER GIORNO – e guarda i lanci poco prima del 4 novembre 2008 e dal giono dopo (ci sono siti americani che hanno seguito e analizzato tutto lo *scambio* mortale NELLA cosidetta *tregua*. Poi mi racconti…)

    Bye

    senza nome

  4. A quel che vedo, posso replicare in risposta il commento numero 2. (Io non consiglio siti, consiglio un buon vocabolario, che riporti espressioni idiomatiche come: “frittata” – girare la).

  5. No Massimo, D’Alema è andato molto oltre quel che dici. Ha parlato di “spedizione punitiva”, e questo non è certo da vocabolario realista – e nemmeno lontanamente obiettivo. Ha parlato di “rioccupazione, seppure temporanea”, alludendo all’intenzione israeliana di riappropriarsi della Striscia (altrimenti che altro voleva intendere?) quando tutti sanno che anche questo è irrealistico (e per Gerusalemme indesiderabile). Si è esposto al ridicolo negando che sia guerra qualcosa che fa tanti morti da una parte e pochi dall’altra (in effetti, se ricordo bene, il termine corretto è “intervento umanitario”). E poi ha tacciato di rozzezza tutti gli altri dicendo che l’obiettivo della non-guerra sarebbe stato distruggere Hamas, ignorantelli che lo credete possibile. Ma, anche ammesso che abbia ragione, non era questo l’obiettivo di Gerusalemme. Nessuno ha mai detto “distruggeremo Hamas”. L’obiettivo di Piombo Fuso era probabilmente quello di ristabilire la deterrenza e inviare un messaggio all’Iran. E forse, disarticolare Hamas prima che potesse aspirare alla guida della Cisgiordania (dove pure ormai riscuote il favore della maggioranza), cioè tenere in sella un Abu Mazen scaduto. Tutti obiettivi centrati, parrebbe.

    Return

  6. Sulla ‘spedizione punitiva’ ti dò ragione: è andato polemicamente oltre l’Annunziata. Sull’obiettivo di Israele, distruggere Hamas o disarticolare, è un crinale forse più sottile di come lo rappresenti tu (o di come lo rappresenta lo stesso D’alema, quando avesse detto che l’obiettivo è, sic et simpliciter, distruggere Hamas). E anche tra rioccupazione e riappropriazione: io non sarei così sicuro che parlare di occupazione temporanea significhi tout court riappropriarsi.
    Però è ragionevole ragionare in questi termini, e ti ringrazio

  7. utente anonimo

    D’Alema: “Dice l’Economist che Hamas continuerà ad esserci, non verrà eliminata: Hamas è una parte della popolazione palestinese ecc.”. Io capisco che il difetto dell’attacco consisterebbe nel suo avere un obiettivo impossibile da conseguire: eliminare Hamas. O almeno, che questa è una delle critiche che D’Alema fa proprie.
    Dall’impossibilità di raggiungere un obiettivo epsilon, da D’Alema fissato, egli deduce che ogni azione militare debba essere fallimentare. Simmetricamente, qualunque risultato theta conseguito da un’iniziativa politica, sarà un successo. Queste sarebbero assunzioni proprie del realismo?
    L’immagine di sfondo è quella di un paese incattivito, Israele, che non sa più comprendere il terrorismo e cede all’uso isterico (“sproporzionato”: è lecito chiedere un criterio di proporzione?) della forza. Isterico, inutile, controproducente.
    Se realista è il ragionamento politico a posteriori, questi, essendo del tutto a priori, sono giudizi puramente ideologici. Come fa D’Alema a tacciare di ideologia i suoi avversari?
    D’Alema continua a parlare della guerra del Libano, ma questa di Gaza è una storia differente, dovrebbe cercare di capirlo, trovo.

    ciao
    Return

  8. utente anonimo

    D’Alema cita l’Economist (altre volte il Vaticano, Sarkozy ecc.) a sostegno della ragionevolezza delle sue posizioni, contro “la virulenza ideologica, l’ aggressività e la rozzezza che si manifestano nel dibattito pubblico nel nostro paese”, di cui sostiene essere in parte vittima.

    Dalemiano

    P.S.: rozzezze a caso
    http://www.camilloblog.it/archivio/2009/01/19/e-lui-anti-israeliano-perche-e-ancora-comunista/

  9. utente anonimo

    mavà?

    Return

  10. utente anonimo

    OCCHIO A QUESTO CRIMINALE ASSASSINO PEDOFILO MAFIOSO GIACOMO LAGONA CORDENONS TEL. 0434.583177 ALIAS JACK LAGONA IL SANGUINARINO SATANAZISTA E PAZZO: HA GIA’ VIOLENTATO SEI BAMBINI, E TRE RAGAZZINE, IN MEZZA ITALIA, FACENDO POI QUESTI INFANTI, TUTTI SPARIRE. BASTA KILLER  E STUPRATORI NEL PD ( ANCHE SE LUI VI E’ ENTRATO SOLO PER INFILTRARLO ALLA PIO POMPI.ARA E FOTTERLO) Da indagini che abbiamo effettuato, risulta anche a noi che il pazzo mafioso perverso sanguinario criminale super cocainomane killer pedofilo Giacomo Lagona da Cordenons, alias Jack Lagona , e’ un omicida di tipo, diciamo cosi’, “depravato ricc.ione” ( ossia omosessuale, si, ma di tipo malato, silente, viscido, segreto, inzuppato nella pedopornografia, occulto, satanista/massonico, pericolosissimo, assassino). E’ egli affiliato al clan infernale dei Santapaola di Catania ( ove lo spietato assassino in questione nascque). Nostri investigatori han pizzini scritti di pugno dal pervertito maniaco omicida demoniaco perverso pedofilo Giacomo Lagona da Cordenons, alias Jack Lagona, datati 5 dicembre 2007, allorche’ lo schifoso stupra e ammazza infanti e adolescenti in questione, scriveva: ” a Catania han preso 70 del mio clan, i SantaPaola; sto Romano Prodi sta davvero rompendo le palle ora, dobbiam far tornare al piu’ presto Silvio Berlusconi che e’ l’unico che ci protegge, ama e aiuta sempre; in ogni caso, sto preparando la fuga all’ estero, prima pero’ voglio ancora violentare e far scomparire un po’ di ragazzini, e ragazzine; i soldi da riciclare per il clan Santapaola li ho dati gia’ alla lavatrice finanziaria delle cosche della Ndrangheta di Corsico e Baggio, Paolo Barrai di Mercato Libero”. Questo pizzino lo ha in mano la Cia ora, ma non si fida a darlo ai puzzoni assassini mafascisti servizi segreti attuali di Silvio Berlusconi, a Langley san gia’ che tutto verrebbe da lui imboscato ( come protegge la mafia Berlusconi, d’altronde…; deve tutto, Silvio Berlusconi, alla mafia, e’ nato e pasciuto con la mafia, quindi….; google Banca Rasini porco mafioso Luigi Berlusconi, a tal pro). Si menzionava comunque del delinquente di Cosa Nostra, ma anche mega riciclatore di danaro insanguinatissimo della Ndrangheta Milanese, Paolo Barrai di Mercato Libero. Vediamo ora chi e’ costui, abbiamo trovato questo scritto nella rete e dopo nostre indagini portate avanti dalla ottima Kroll associated di Londra ( mr Bigazzi, ex loro sottoposto, ora in proprio, ma sempre per loro super busy), possiamo dire che quello che qui seguira’ e’ tutto vero: “” il gia’ condannato a due anni e due mesi di carcere, Paolo Barrai di Mercato Libero, abitante in Via Ippodromo 105 a Milano, tle 02.4521842 ( sua casa frutto di enorme corruzione e ruberie di cui egli si avvalse e tutto cio’ per sua stessa frequente sbruffonissima ammissione), condannato per gravissime frodi contro ( Prodi, ma anche contro) Citibank, da dove venne cacciato, infatti, a sbe.le sonanti, a fine anni 90, in quanto nella stessa rubava mari di soldi a pro dei soliti schifosi putridi schifosi lava danaro malavitoso a narcos di destra colombiani, come cosi’ anche a Cosa Nostra, Ennio Doris e Giorgio Pirovano di Banca Camorranum Ndrangolanum Riciclanum Mediolanum ( condanna non da menzionare, ma la condanna vi e’ stata ed eccome), il riciclatore di danaro di varie cosche della Ndrangheta di Trezzano sul Naviglio, Buccinasco e Corsico, oltre che di vari movimenti satanazisti e padanazisti, Paolo Barrai di Mercato Libero, il ladrone Paolo Barrai di Mercato Libero, il cocainomane Paolo Barrai di Mercato Libero, il masturbatore compulsivo super pornografo e sempre piu’ omosessuale Paolo Barrai di Mercato Libero ( gira presso i Lions clubs dei navigli di Milano un video di una orgia omosessuale tra Paolo Barrai di Mercato Libero, Daniele Capezzone, Giuliano Ferrara e Sandro Bondi; per averlo riviolgersi qui: The International Association of Lions Club
    Distretto 108 IB-4 Italy
    1.                              ) , l’apprendista pedofilo Paolo Barrai di Mercato Libero, il nazifascista estremo Paolo Barrai di Mercato Libero, il terrorista  Paolo Barrai di Mercato Libero, il corrotto e megacorruttore Paolo Barrai di Mercato Libero, il falso Paolo Barrai di Mercato Libero, il masson/satanista Paolo Barrai di Mercato Libero, il razzistissimo Paolo Barrai di Mercato Libero, il lecchino del po.co maniaco sessuale depravato corrotto biscetto nuovo Adolf Hitler, Roberto Maroni, Paolo Barrai di Mercato Libero, il tappetino del neonazi, nonche’ assassino impotente dittatore, riciclatore monetario per le mafie di mezzo mondo, super pedofilo Silvio Berlusconi, Paolo Barrai di Mercato Libero, manipola i tags di qs post per cacciare via, dette assolute verita’ su di lui, da Google, ma il mondo sapra’ che egli e’ un lestofante che tende assassine trappole, lestofante della finanza, come dei media”. Sappiamo ora che l’assassino perverso mafioso nazista sanguinario porco pedofilo Giacomo Lagona da Cordenons, in provincia di Pordenone se la fa col mega riciclatore di danari sanguinari di Cosa Nostra catanese, cosi’ come della Ndrangheta dell’hinterland Milanese, il verme doppiafaccia, Paolo Barrai di Mercato Libero, e non per niente, come da blog di quest’ultimo, possiamo constatare che quest’ultimo, ogni weekend o quasi, e’ sempre presso la citta neo nazifascistissima di Pordenone ( ovvviamente per prendere contante che cola oceani di sangue di morti fatti ammazzare da mafiosi varii). Vergogna. In ogni caso, assassino di Cosa Nostra, repellentissimo assatanato pedofilo pazzo maniaco sessuale Giacomo Lagona da Cordenons alias Jack Lagona, ti sput.aneremo ovunque, hai voluto la guerra? Non ci tireremo dietro di certo noi, l’hai iniziata tu, e di conseguenza la dovrai stoppare tu, ma visto che continui…. Sto verme satanista assassino cocainomane idiota perverso pedofilo di Giacomo Lagona da Cordenons, alias Jack Lagona, si e’ iscritto viscidamente alla Lega ( da meridionale miserabile e svertebrato che si svende), ma anche al pd, come sopra cvitato, ovviamente per infiltrarlo e disarticolarlo alla Pio Pomp.nara, come cosi’ si e’ iscritto pure alla Grande Loggia d’Italia del mafioso e ndranghetaro massone fascio e super assassino Luigi Pruneti. Il tutto per cercare ovvie protezioni, ma ora noi lo seppelliremo di sputta.amento su tutti i blogs del mondo, con noi non si caz.eggia, si ammette, si chiede scusa, e specialmente, non si complotta piu’, pentendosi del male atroce precedentemente fatto. Ci si pente e ci si scusa sponteneamente, pero’, o ……..
    Siamo dell’ associazione Internazionale ” Anti mafiosi e massoni di tipo criminale”, e io sono Gino “Ginello” Raffi, parente del famoso e miliardario  alle Maldive, Gustavo Raffi del Goi ( parente argentino, di cui egli non sa’nulla, avendo suo padre, avuto divertimento con mia madre, e poi…..; ma pur sempre parente sono e fra poco ci abbracceremo in Loggia Goi a Rimini, oleeeee’) e ora faremo sapere al mondo intero che il verme stupra bambini sanguinariissimo cula.one occulto, malavitoso criminale assassino pedofilo lurido, Giacomo Lagona da Cordenons alias Jack Lagona, e’ un cesso colerico che ammazza, e che va’ posto all’indice, affinche’ non uccida piu’. Sto puzzone aveva una foto da criminale di Cosa Nostra, su Facebook. Appena l’ottimo Felicietto Catacuseme l’ha fatta notare, subito egli, se non e’ meglio dire esso, l’ha cambiata con una che lo ritrae con una bambina, per cercare di smontare le accuse che lo incastrano nella sua figura di pedofilo assassino mafioso cocainomane massone porco e super pazzo. Ma che date una bambina in braccio all’assassino cocainomane pazzo idiota corrottissimo cretino mega pedofilo Giacomo Lagona da Cordenons alias Jack Lagona? Ma siete infermi di mente come di certo lo e’ il corrottissimo figlioccio di Bettino megabottino Craxi, magnamagna Maurizio Sacconi che scrofa che chi critica il mafioso neonazista killer altrettanto pedofilo Silvio Berlusconi e’ fragile psicologicamente, mentre lui che gli fa da prostituto ciellino ladro e corrottissimo e’ di certo, invece, pazzo completo? Ma non sapete che quel verme naziciarolo maniaco sessuale perverso culaone occulto ( ma non troppo) di Giuliano Ferrara, li manda lui i messaggi “ finto terroristici ( d’altronde voleva mettere una bomba sul set Il Caimano, ha fatto uccidere un mare di gente su ordine del bastardo assassino, come lui, neonazista viscido George Tenet, quindi GIULIANO FERRARA E’ UN DIARREICO SCHIFOSISSIMO MEGA PEZZO DI ME.DA TERRORISTA E STRA ECCOME)” per far si che chiunque critichi Berlusconi finisca sotto indagine? Presto scriveremo di queste porcherie da Italietta camorrista e super fascia su tutti i blogs del mondo: l’intero pianeta Terra sapra’ di che vermi abitano tra Arcore e Corleone, con Berlusconi che guida tutto dalla nuova capitale della attuale Italietta che e’ Arcorleone. Ben appunto. Per finire, effettivamente, massone di tipo criminale, pusher …

  11. 1.                              Per finire, effettivamente, massone di tipo criminale, pusher di cocaina e marchettaro omosessuale, po.pinaro e ( non tanto) “Pio” Pom.inaro e’ un compare mafioso catanese del Lagona ( e anche questo e’ provatissimo su Google da vari scritti che i due han messo nella rete impuzzandola a morte): il verme strisciante puzzone lurido spacciatore di cocaina prostituto frocietto francescocosta.net – Francesco Costa. Questo biscetto “marchetta’” schifosamente corrotto e pieno di sifilide, clamidia e gonorrea, di francescocosta.net Francesco Costa ( steccato dal puzzone impotente froc.one femminone passivone gia’ citato Giuliano Ferrara, noto per far penetrare sessualmente, la sua pazza miserabile squallida zocco.ona Anselma Dell’Olio da gigolo’, severamente sempre turchi, essendo i due iscritti alla “ Loggia satanisti sanguinarii di Istanbul”, giusto per farvi saperre con che diarrea putrida abbiamo a che fare), anche lui, infiltra il pd per disarticolarlo, infatti, basta leggere la me.da colerica putrida e puzzolente del suo sito gia’ menzionato, per rendersene conto. La biscia malefica schifosa lurida corrotta massonmerd.na marchettara omosessuale di francescocosta.net Francesco Costa e’ pure altro: un megaspacciatore di cocaina ( ovviamente fornitagli dai suoi comparuzzi mafiosi paesani catanesi dei Santapaola). Il verme malavitoso falso viscido vigliacco ladro corrotto puzzolentissimo, spacciatore di cocaine, marchettaro omosessuale di francescocosta.net, Francesco Costa, insieme all’ assassino mafioso sanguinario lurido pazzoide idiota pedofilo Giacomo Lagona da Cordenons, alias Jack Lagona e Luca Bianchini, ha spessissimo stuprato insieme, dopo ovvie. Altrettanto, mega sniffate comuni. Varie foto e video sono in giro, a tal riguardo ( forse, fra poco, su youtube). NON CI FAREMO FERMARE DA NESSUNA LETTERA CHE BERLUSCONI MANDA A SE STESSO FINGENDOSI TERRORISTA, ANCHE SE SILVIO BERLUSCONI E’ UN IMPOTENTE PEDOFILO TERRORISTA BAS.ARDO MAFIOSO NAZISTA ASSASSINO. NE DA LUI, NE DALLE SUE SPIE SCHIFOSE, TIPO TUTTI I PUZZONI IDIVIDUI QUI SOPRA CITATI, NON CI IN ALCUNA MANIERA INTIMIDIRE E TAPPARE LA BOCCA, MEGLIO MORTI, OGGI STESSO PURE!!! QUESTI BASTARDI ASSASSINI MAFIOSI NAZISTI PORCI PEDOFILI BERLUSCONES, LI DIPINGEREMO SENZA ALCUNA REMORA OGNI GIORNO, SU TUTTI I BLOGS DELL’UNIVERSO, FINO A CHE QUESTA BANDA DI CRIMINALI AMMETTERA’ I TORTI CHE HA FATTO NEGLI ULTIMI 20 ANNI VIA LORO ASSASSINA SATANICA PUTRIDA VIOLENTA PAZZA SCHIFOSA DA MANDARE ALL’INFERNO SUBITO, MASSONERIA ROSACROCIANA, E NAZISTISSIMA, ALTRETTANTO KILLER, MASSONERIA DI RITO SCOZZESE. URLEREMO SEMPRE DI PIU’, SAREMO DEI VERI E PROPRI KAMIKAZE DEL WEB, DEVE FINIRE CHE MASSONI PORCI DI TIPO NAZIFASCISTA, MALAVITOSISSIMO, POSSAN UCCIDERE, ROVINARE, COMPLOTTARE, DISARTICOLARE, INFILTRARE, SPIARE, OSTACOLARE, ROVINARE, “SUICIDARE” VITE E FARLA SEMPRE FRANCA. IL TEMPO DEL “AKKA NISCIUNO E’ FESSO” E’ GIUNTO E STRA GIUNTO, IS NOOOOOW.
    2.                              Ps 1 Per finire guardate che aveva scritto la diarrea mafiosa puzzona lurida vigliacchissima quaquaraqua pedofila cessa di Giacomo Lagona da Cordenons alias Jack Lagona il 18 agosto scorso sul sito Pentolone:
    “Jack Lagona:18 agosto 2009
    1. Associazione mondiale anti massoni di tipo criminale, ti cercherò, e ti troverò.
    E dopo averti trovato rimpiangerai di non esserti fatto i caz.i tuoi.
    Morirai nel dolore”.
    A SCE.O DI GUERRA, SONO QUI IN ARGENTINA A ROSARIO, VIENI E CHIEDI DI ME, GINO “GINELLO” RAFFI, CHE TI RENDO CIBO PER VERMI IN UN SECONDO SE ALZI SOLO UNA MANO, A MER.ACCIA; O VIENI A RIMINI, A FINE NOVEMBRE 2009, OVE SARO’ A INCONTRARE IL MIO PARENTE RICCCHISSIMO ALLE MALDIVE, GUSTAVO RAFFI DEL GOI CHE SE FAI APPENA APPENA LO SBRUFFONE TI IMPALO IN UN SECONDO E POI CIBIAMO I VERMI DELLA RIVIERA ROMAGNOLA, SCHIFOSO PAPPONE NAZISTA MAFIOSO PORCO DEFICIENTE CORROTTO IGNORANTE PUZZONE SEGA.OLO PEDOFILO PAGLIACCIONE GIACOMO LAGONA DA CORDENONS ALIAS JACK LAGONA, A SCE.O DE GUERRAA
    PS2 Prossimo calientissimo scoop: foto e video della ottima Cia attuale riguardante una orgia lesbicissima tra Marina “Marino” Berlusconi, la pornostar specializzata in anal sex Simona Premoli Mejia ( fcbk), la prostituta cocainomane bisessuale Berlusconicchia Deborah Perazzoli ( fcbk) e la zoccolona della “squola” italiana Maria Grazia Crupi, megacacciatrice di uccelli, ma non nei boschi, nei club priveee
     
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...