Cartine

Al termine di un lungo articolo in cui spiega come coi personaggi romanzeschi non si può scherzare Umberto Eco conclude che dunque, data l’irrefutabilità di asserzione del tipo: "Superman è Clark Kent (e viceversa)", si può concludere che "la funzione epistemologica degli asserti romanzeschi è che possono essere usati come cartina di tornasole per l’ irrefutabilità di ogni altro asserto".

Usiamoli. Io dico: "Garibaldi aveva la barba". Eco mi spiega che di sicuro è un asserto dubitabile (basato com’è su fonti storiche, documentali, iconografiche, ecc. ecc.) e non su un’esperienza diretta irrefutabile, Ma se io capisco questa spiegazione, non vedo cosa aggiunga l’uso dell’asserzione tipo di Eco. L’uso dell’asserzione tipo di Eco mi serve piuttosto nel caso non capisca cosa mai voglia dire "irrefutabile". Allora Eco potrebbe dirmi:vedi questa proposizione? Questa è irrefutabile, la tua non lo è allo stesso modo.

Bene. E se io rispondessi: "Oh bella, tu parli di un mondo fittizio, e la tua è l’irrefutabilità di un’asserzione riferita a un mondo fittizio. Non sarà che il tuo asserto è irrefutabile perché riferito a un mondo fittizio? E perché mai "vero in un mondo fittizio" dovrebbe fungere da cartina di tornasole di ciò che vuol esser vero rierito a un mondo reale? Facciamo così: io chiamo "mangiassassi verde" quell’animale che vive sotto terra, mangia i sassi ed è di colore verde. Non ti pare ora irrefutabile l’asserzione che il mangiasassi è quell’animale che vive sotto terra, mangia i sassi ed è di colore verde? Serve a qualcosa ora l’assumere tutto ciò a cartina di tornasole di alcunché?"

Le cartine: non sempre c’è da fidarsi (e nemmeno delle asserzioni tipo di Eco, come ricorda Luca, che mi ha segnalato il suo articolo)

2 risposte a “Cartine

  1. Forse Eco intende dire che la frase “Superman è Clark Kent” è vera nel senso che è la forma abbreviata di “nei fumetti sta scritto che Superman è Clark Kent”, il che è vero e verificabile ed è una conoscenza che appartiene a quella che lui chiama enciclopedia. Quindi “Garibaldi aveva la barba” è irrefutabile in quel senso se vale come abbreviazione di “in quella certa foto Garibaldi aveva la barba”. Perciò l’irrefutabilità è solo l’appartenenza all’enciclopedia e l’utilità della frase di Eco (effettivamente molto limitata) sta nel contrastare le affermazioni che non trovano riscontro nell’enciclopedia (come il fatto che la sindone ritragga Leonardo e non Cristo). Col facile vizio del paradosso, Eco dice che i mondi fittizi sono più “veri” di quello reale perchè sono interamente “documentati” e finiti, dove però per mondo si intende “testo”. Del resto anche il nostro idolo sosteneva di sentirsi più reale come personaggio che da vivo.

  2. utente anonimo

    si auspica la risalita sulla crosta del mangia sassi verdi e la contestuale modifica dei suoi gusti: da sassi verdi a filosofi di tutti i colori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...