Craxi, il tricolore sulla tomba e i conti aperti con la storia

«Contribuì in modo significativo alla difesa dell’Occidente e al consolidamento della pace»: è il contributo di Bettino Craxi, nelle parole che il Presidente della Repubblica Ciampi scelse per il telegramma di cordoglio ai familiari del leader socialista. Leggerle oggi dà da pensare, perché in esse compaiono termini – la pace, l’Occidente – che non hanno ancora posto significativo nelle discussioni sulla sua figura, nel decennale della morte. Il che non conferma solo un problema cronico della cultura politica del nostro paese, e cioè quanta poca considerazione si abbia, nella valutazione di un leader, per il suo impegno nella politica estera, ma anche quanto poco ancora si sia distanti da opinioni che si sottraggano alle opposte tentazioni della demonizzazione o della santificazione.
Forse, nel caso di Craxi, è inevitabile. Non però perché dieci anni siano pochi per storicizzare una stagione della vita democratica del paese, ma, credo, per due ragioni diverse. La prima: la fase attuale è ancora troppo legata all’esito di Mani Pulite, impelagata in una transizione verso un nuovo assetto del sistema politico che non accenna a finire, sicché il giudizio su Craxi diventa, per dirla in fretta, il giudizio su Berlusconi, ad onta di ogni plausibilità storica e politica,. La seconda: il drammatico discorso tenuto innanzi al Parlamento il 3 luglio 1992, in cui Craxi disse che il sistema di finanziamento ai partiti era per buona parte irregolare e illegale (e un anno dopo, nel processo Cusani, dinanzi al PM Di Pietro aggiunse: «dall’inizio della storia repubblicana») ha avuto per singolare contrappasso l’effetto di legare non solo il suo nome a quella vicenda, ma anche il giudizio sulla prima Repubblica – e in specie sul sistema dei partiti, e sulla sua costituzione materiale – ad un giudizio sull’inchiesta Mani Pulite. Il che è, di nuovo, un errore storico e politico.
Orbene, non accade proprio come in quel detto famoso citato da Hegel, ma quasi. Non c’è eroe per il proprio cameriere, si dice, ed Hegel chiosava: non perché l’uno non sia eroe, ma perché l’altro è cameriere. Nel caso di Craxi non si tratta certo di tramutare la sua azione politica in una serie di eroiche imprese – che si tratti di Sigonella o del decreto di San Valentino, della lotta all’inflazione o dell’espansione del debito pubblico, del nuovo Concordato o del progetto di riforma istituzionale in senso presidenzialista, rimasto però solo sulla carta –, ma non è neppure il caso di nutrire, nei confronti della sua figura, le meschinità e i risentimenti di un cameriere. C’è invece materia per un giudizio articolato e complesso, senza facili semplificazioni. E per il quale, dunque, non basta neppure la parola così spesso ripetuta che lega la sua azione alla modernizzazione del Paese: modernizzazione è ancora solo il nome di un processo, che di per sé poco o nulla dice sulla direzione e le finalità di quel processo.
Sul piano della riforma degli equilibri politici del paese, quelle finalità erano però per Craxi ben nette, anche se forse lo erano meno i mezzi con cui conseguirle, dal momento che si trattava sì di mutare i rapporti di forza a sinistra, col Pci – questo il disegno –, ma il mutamento doveva avvenire nel corso della collaborazione (che era insieme competizione) con la Democrazia Cristiana – il che rendeva il disegno perlomeno tortuoso.
Quanto fosse alta la posta in gioco lo si comprende comunque dalle parole con cui D’Alema l’ha rappresentata, parlando dalla parte dei comunisti: «eravamo come una grande nazione indiana chiusa tra le montagne, con una sola via d’uscita, un canyon, e lì c’era Craxi con la sua proposta di ‘unità socialista’. Come uscire da quel canyon? Come trasformare il Pci senza cadere sotto l’egemonia craxiana?». Il giudizio sulla trasformazione del partito comunista investe naturalmente la classe dirigente di quel partito, da Occhetto in poi. Ma la scena descrive una posizione per Craxi tanto favorevole, soprattutto dopo l’89, che non può non colpire quanto poco egli sia riuscito, a parte alcuni vantaggi tattici, a tradurla in una definitiva vittoria strategica. E in crescita di consensi, e di peso culturale.
Quel che è infatti accaduto, è che sono crollate, insieme al Muro di Berlino, anche le pareti del canyon della politica italiana, ma i socialisti, rimasti in quella posizione di vantaggio per più di un quindicennio, avevano nel frattempo esaurito tutte le potenzialità politiche riformatrici della loro tradizione, finendo così col rimanere travolti dal crollo. E anche a voler pensare che quell’esito dipese in tutto e per tutto dalle oscure trame più volte evocate da Craxi negli anni amari del ritiro ad Hammamet, non sarebbe meno vero che una sconfitta della politica va comunque addossata a chi del primato della politica era stato sostenitore e indiscusso protagonista.
Annunci

7 risposte a “Craxi, il tricolore sulla tomba e i conti aperti con la storia

  1. da non perdere l’analisi politica  a 360° ,precisa ed equilibrata, fatta da travaglio:



    a parte il referendum contro il nucleare (a quell’epoca finivest non sapeva costruire centrali!) rigraziamo per:
    -debito pubblico aumentato vertiginosamente dal  60% al 120% ripsetto al pil
    -salva finivest 1 e 2 (ora abbiamo il monopolio!)
    -privatizzazione sme/iri: un serbatoio troppo comodo per liberarsene.. 
    -sigonella: mezza vittoria,andò un po’ diversamente da come molti ricordano…
    -rapporto con pietro nenni ed altri onesti di sinistra?..
    -rapporto con calvi,gelli,etc?
    -……
    ps 
      cmq sono favorevole a dedicare/intitolare a bottino craxi una bella e costosa  tangentiale

  2. utente anonimo

    Tcp, come sei problematico

  3. caro il mio #2, solo  problematico?  molto di più!
    sai, in questo papocchio che è la politica italiana , bisogna scavare per cercare di capire qualcosa.. 
    ad esempio, immagino  ignorerai  il reale motivo per  cui vendola,nonostante abbia ottenuto buoni risultati in questi anni di presidenza, venga  leggermente ostacolato dal suo stesso partito.
    all’osservatore distratto sembrerà assurdo che niki debba sottoporsi ale primarie smpre con tal boccia , che aveva già battutto 5 anni fa!
    invece un motivo c’è: boccia ha garantito,in caso divenisse governatore, di avviare la privatizzazione dell’acquedotto pugliese (una tra i piu grandi in europa), mentre vendola ,essendo di SINISTRA realmente, ha dichiarato di essere  contrario.
    orbene la posizione dei vertici del pd , ora favorevoli alla privatizzazione della gestione acqua -dice per evitare sprechi*-, risulta piu che intrigante al furbacchione di casini solo nel caso vinca boccia…
     perchè casini con la sua bella faccia di corno,  dichiara di gradire boccia,mentre vendola  no?
    perchè  il cognato-padrone di casini,  il  condannato caltagirone, si è stufato di prendere le briciole dal pdl, e sarebbe molto  interessato a fare un po’ di spesa nel tavoliere, mettendo le mani sull’acquedotto pugliese (concessione sulla gestione) , senza dover fare a gomitate con quei filibustieri buzzurri del pdl..
    la vittoria di boccia renderebbe  tutto piu semplice.
    del resto si sa che tra galantuomini ci s’intende meglio!
    meditate gente.meditate.

  4.  Una cosa non ho capito: se uno dichiara prima delle elezioni che è a favore della privatizzazione commette peccato? E se uno lo appoggia per questo commette peccato, è astuto e furbacchione, oppure ha soltanto un’opinione diversa dalla tua?

  5. Il partito socialista aveva sempre meno a che fare – o per dirla come va di moda – era percepito aver sempre meno a che fare con il socialismo, sia nostrano che internazionale. Gli yuppies: democristiani? Alla fine del canyon c’era semmai l’unità liberale delle sinistre sterilizzate.

  6. caro #4 (sei per caso anche #2?),
    mi sa che confondi un po’ i piani di analisi.
    tornando alle tue domeande:
     anche se carlos alberto libânio christo (leggi frey betto) e genesio darci boff (per gli amici leonardo) lo considerano peccato, e pure grave!
    ( mentre in  vaticano sono rimasti ancora alla pillola ed alle corna..)
    non mi sento di sconvolgerti , e ti do ragione: non è peccato essere a favore della privatizzazione.
    se però sei un sedicente leader  di sinistra,ed il tuo "essere favorevole" può diventare una legge, inizia a stridere un po’, perchè fa a cazzotti con gli interessi della comunità che amministri*.
    se poi svendi l’acquedotto al cognatopadrone di un furbacchione che ti ha aiutoato ad andare al potere, non so se è peccato, ma ritengo che ci siano gli estremi di una concussione…
    quindi spero capirai che c’entra ben poco il rispetto delle idee dell’altro:
    qui non stiamo parlando di eutanasia,aborto,etc.
    qui si tratta di un bene universale comune. stop.

    *le esperienze estere hanno dimostrato che la scelta di privatizzare l’ acqua (o la gestione della stessa)  non  danno alcun miglioramento del servizio,nè riduzione sprechi,ma soltanto un aumento del prezzo dell’acqua ! ed è per questo che la francia sta facendo un passo indietro in fatto di privatizzazioni acqua.

  7. se ieri fossi uscito a cena con giselle bundchen avrei goduto meno:

    -l’inter vince conto il milan 2-0 in 10 contro 12 ( faccia di berlusconi sul rigore parato a ronaldinho!)
    -vendola stravince primarie dando un’ennesima lezione di vera politica alla intellighenzia di sx ..

    ps non tifo per l’inter!
    ps2 se tutti gli italiani fossero intelligenti come i pugliesi, berlusconi starebbe ad hammamet, anzi no, alla villa di arcore…al piano -1!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...