Winstanley e Morrison, Nico e Spinoza (che non ha torto)

O death, were art thou? Will thou not tiding send?
I fear thee not, thou art my loving friend
Come take this body, and scatter it in the Four,
That i may dwell in One, and rest in peace one more

Acquiescientia spinoziana, la requies della Fons vitae (III, 49) di Avicebron -Ibn Gabirol, in luogo dell'avvento rivoluzionario della Giustizia. Estinzione fusionale, conservando memoria dignitosa delle occupazioni sulla collina del Surrey. Si può ben capire. […]
Canti di fine stagione che ricordano, a chi ha esperito le speranze del '68 e le travagliate vicende degli anni '70, un altro celebre appello:

This is the end, beatiful friend,
This is the end, my only friend,
The end of our elaborate plans,
The end of ev'rithing that stands,
The end

Jim Morrison gli sopravvise quattro anni, fino al 1971, Nico la ricantò in piena epoca punk e reazione incalzante, a partire dal 1974. Winstanley sopravvierà silenzioso, da quacchero quietista, per altri ventiquattro anni, fino al 1676. Spinoza muore un anno dopo: nel frattempo ha completato l'Ethica lasciando interrotto alla voce 'democrazia' il Tractatus politicus […]. Nella chiusura degli orizzonti politici prende tempi lunghi e non ha torto".
(A. Illuminati, Spinoza atlantico, Milano 2008, p. 50).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...