Baricco e il bel gesto

Qual è la domanda che un intervento come quello di Alessandro Baricco, alla Leopolda, suscita? Vedremo poi. Intanto, quello che ha detto.

Ha detto Baricco che alla Leopolda c’è già stato un anno fa, per dire soltanto due cose: «non abbiate paura» e «giocate con i pezzi bianchi», cioè fate la prima mossa, giocate d’anticipo. Poi ha detto che si augura che l’Italia abbia sempre due cose importanti: una è «avere il gusto del futuro, profondo»; l’altra è che «non si può immaginare nessun futuro senza che sia scritto insieme agli spazi bianchi della società», i quali spazi bianchi sarebbero la solitudine, la povertà, la semplicità, cose così. Bisogna scriverli, quegli spazi, dice Baricco. Poi dà il suo contributo per la cultura di questo paese. Dice che la prima cosa da fare è «distruggere le navi», come fecero gli Arabi arrivati in Spagna dal mare, per far capire che sarebbero rimasti, oh se sarebbero rimasti. Nel contesto attuale, distruggere le navi significa, a sua volta, due cose:  la prima è che l’unico grande problema di questo paese è l’educazione; la seconda è che ci vuole uno «spirito costituente», perché si tratta «non di riformare, ma di rifondare. Completamente». Certo, si può mettere al primo posto il lavoro, ma la seconda cosa è allora «tornare ad educare il paese». E farlo significa: « valutare e giudicare ». Il merito, d’accordo, ma solo se si è capaci di «dare un punteggio e valutare». Due cose ancora, dunque.

Orbene, immagino che vi siate fin qui concentrati sulle parole tra virgolette. E avete fatto male: (sull’Unità, 18 novembre 2012, prosegue qui

Annunci

2 risposte a “Baricco e il bel gesto

  1. Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere Paperblog, http://it.paperblog.com piattaforma partecipativa che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a figurare tra le pagine del nostro magazine nella sezione Viaggi e Fotografia e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

  2. Scusa per l’errore di battitura, il magazine si occupa di molte cose ma il tuo blog è sicuramente più centrato sull’attualità e la politica, e non di Viaggi e Fotografia. Ho fatto uno sbaglio io nello scrivere. Mi dispiace.
    Silvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...