Parole chiare e speculazioni

ImmagineLe spiegazioni fornite alle Camere dal ministro Cancellieri dissipano le zone d’ombra che si erano addensate intorno ai due punti sollevati nei giorni scorsi a proposito del suo comportamento: la natura dell’intervento del ministro presso il Dap, il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria; la natura del trattamento riservato a Giulia Ligresti. Il ministro non ha mai sollecitato la scarcerazione della detenuta, né ha influenzato le decisioni assunte dalla magistratura. Sull’uno e sull’altro punto concordano tanto le dichiarazioni dei dirigenti del dipartimento, quanto quelle della Procura. Il vicecapo del Dap, Francesco Cascini, ha infatti riferito che in almeno una quarantina di casi il ministro ha segnalato casi critici, e che in molti di questi casi si è fatto ben più di quanto si sia fatto per la Ligresti. Il procuratore capo Giancarlo Caselli, per parte sua, ha affermato che è destituita di ogni fondamento qualunque illazione circa l’eventuale ingerenza del Guardiasigilli nelle decisioni del gip di concedere gli arresti domiciliari. Che il ministro Cancellieri sia venuto a conoscenza di una situazione a rischio per via dei rapporti di amicizia privata intrattenuti con la famiglia della detenuta non ha dunque influito né sul comportamento della magistratura né su quello dell’amministrazione penitenziaria. Non vi è perciò alcun fatto concreto in virtù del quale si possa mettere in dubbio la parola di Annamaria Cancellieri, quando afferma di non aver esercitato alcuna pressione a favore di Giulia Ligresti.

(L’Unità, 6 novembre 2013)

3 risposte a “Parole chiare e speculazioni

  1. Solo in Italia si discute di queste cose, anzi mi correggo, non solo in Italia, anche in parecchi paesi africani. Altrove nessuno si permetterebbe di chiedere le dimissioni per un siffatto comportamento per il semplice motivo che il ministro in questione si dimetterebbe pochi secondi dopo l’emersione di queste telefonate. Purtuttavia perchè stupirsi in fondo siamo il paese il cui parlamento ha “votato” che fosse credibile che Ruby era parente di Mubarak.

  2. mi piacerebbe sapere se hai sentito o letto la trascrizione della telefonata del 17 luglio in cui il Ministro della Giustizia che tu difendi addirittura fa suoi i pesantissimi giudizi sulla magistratura della moglie di un detenuto, proprio lei che è, e purtroppo continua ad essere, Ministro della Giustizia.

  3. Caro AP, e adesso, dopo la nuova telefonata saltata fuori, pensi ancora che le parole del Ministro siano state chiare e che tutto fosse una speculazione. Pensi ancora che quel Ministro sia degno della carica che riveste?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...