No alla trappola antisemita

Acquisizione a schermo intero 31072014 152012.bmpLa terribile sequenza di morte che segna queste giornate nella striscia di Gaza non accenna a interrompersi. La scuola dell’ONU colpita nella notte di martedì ha segnato una nuova escalation, anche se per il governo israeliano era uno dei molti luoghi in cui Hamas nasconde le armi. Ieri, bombe sono cadute anche sul mercato. I palestinesi morti si contano ormai a migliaia. Anche Israele ha avuto perdite, seppure in misura molto minore. Ma vive sotto l’incubo dei razzi, e bombarda Gaza per la sua sicurezza, benché non sia affatto sicuro che l’operazione in corso le stia effettivamente procurando un maggior «margine di protezione». Un tempo, comunque, si diceva: il mondo segue con preoccupazione il precipitare degli eventi. Oggi invece, nonostante la drammaticità della situazione, non solo l’attenzione della comunità internazionale, ma anche la retorica con la quale le si dà rappresentazione presso la pubblica opinione si è affievolita. Nonostante le vittime, nonostante la disperazione. Ciò dipende forse dal fatto che vi sono forti tensioni fra le maggiori potenze mondiali anche in altre parti del mondo: vedi Ucraina. E forse anche dal fatto che gli stessi scenari nell’area mediorientale si sono complicati, dalla primavera araba in poi, e la causa palestinese non è più così centrale come in passato: vedi i cambi di regime in Egitto, e la nascita del Califfato islamico tra Siria e Iraq.

E però una cosa sembra tornare uguale, ad ogni nuovo scoppio del conflitto: i ributtanti rigurgiti di antisemitismo che il conflitto isrelo-palestinese provoca. Gli stereotipi, i cascami ideologici, i rimasugli e le scorie mai digerite di storie passate, ormai finite da un pezzo, che però sopravvivono ancora, sempre. Impermeabili ai torti e alle ragioni. I manifesti apparsi sui muri di Roma, le svastiche, le scritte antisioniste, ne sono purtroppo la triste dimostrazione. E non c’entrano nulla con le critiche (legittime) alla politica di Bibi Netananyu, che provengono ormai esplicitamente anche dall’amministrazione Obama, e nemmeno con le vittime della guerra, che sono sempre troppe, anche quando fossero poche. Ma vittime ne fanno anche il conflitto russo-ucraino, o il jihadismo in Iraq, eppure questi conflitti non liberano nell’aria gli stessi miasmi, non mettono in circolo gli stessi, terribili fantasmi.

Che purtroppo allignano sia a destra che a sinistra, in una combinazione che fece scrivere a Vladimir Jankélévitch, filosofo ebreo di origine russa e lingua francese, singolare figura di intellettuale, partigiano e engagé: «L’antisemitismo è la trovata miracolosa, l’occasione provvidenziale che riconcilia la sinistra anti-imperialista e la destra antisemita; l’antisionismo dà il permesso di essere democraticamente antisemiti». Rispetto a questo antisemitismo, i bombardamenti di Israele sono purtroppo soltanto un alibi. Un comodo cuscino conformista sopra il quale adagiare le posizioni preconcette. Jankélévitch lo diceva in un libro intervista del 1978, in anni dunque di furia ideologica, quando dunque c’erano ancora ed erano ben visibili e pericolose l’una e l’altra: tanto la sinistra anti-imperialista quanto la destra antisemita. Ora si sbaglierebbe a dire che non esistono più, ma in ogni caso resiste quello strano, maleodorante amalgama che prova  a rendere accettabile pur in ambiente democratico il pregiudizio contro Israele, e che ad ogni crisi riaffiora, più intrattabile che mai. E così Jankélévitch si chiedeva anche, sconsolato: «come chiamare una maledizione che resiste all’evoluzione storica, una sventura ereditaria che il progresso non ha guarito, una discriminazione fatale che sopravvive alla scomparsa delle classi sociali, una tara incancellabile che la stessa conversione non basta a cancellare?». E alla sinistra che nonostante ogni ideale di progresso ricadeva nei più odiosi cliché, lui obiettava con ironia amara: nell’anno tremila, quando ci sarà la repubblica socialista universale, quando il razzismo contro i neri sarà scomparso, «si dirà ancora sporco ebreo su un tram». È triste dover ammettere non che la repubblica socialista universale si è allontanata ancor più dall’orizzonte, ma che sui muri della capitale, sulle serrande dei negozi ancora ieri si è letto «sporchi ebrei». E questo odio non viene dai fatti di queste settimane; viene, purtroppo, da più lontano.

(Il Mattino, 31 luglio 2014)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...