Napoli-Bari, un’asse per il Sud

immagine 2 giugno.1Come la lupa che sbarra la strada al fiorentino Dante, nel primo canto dell’Inferno, così Vincenzo De Luca e Michele Emiliano si sono messi di traverso, e dopo il pasto di domenica sembrano avere più fame di prima. Difficile cioè che si sentano sazi per il successo elettorale e che al fiorentino Renzi non chiedano nulla. Nei primo commenti dopo il voto, De Luca ha avuto parole di ringraziamento per il segretario del suo partito, ed Emiliano ha generosamente ascritto al Pd anche il successo delle liste collegate, escludendo di avere altro in mente al di fuori della sua Puglia. Entrambi, però, non hanno esitato a toccare subito il punto dolente, che riguarda il rapporto del Mezzogiorno con il governo nazionale, e la necessità di un «ragionamento molto fermo» – così lo ha chiamato De Luca – per contrastare la desertificazione industriale, chiedere nuovi investimenti, politiche mirate. Fin qui, sembrano sottintendere i due, Renzi per il Mezzogiorno è valso quanto Monti, o Letta. Ora entrambi chiedono un cambio di passo.

I due ex-sindaci hanno anche mostrato un’attenzione complessiva per il quadro politico uscito dalle urne, che è probabilmente indice di una preoccupazione non legata soltanto alla nuova prova amministrativa che entrambi devono affrontare. Significativo è, in particolare, il cenno rivolto al Movimento Cinque Stelle, che entra per la prima volta in regione. Ebbene, se i Cinque Stelle raccolgono consensi e ricevono fiducia in virtù di un rapporto diretto con i cittadini, contro i privilegi del ceto politico, Emiliano ha deciso di fare di più: ha dato in conferenza stampa direttamente il suo numero di telefono personale. Chiunque può comporlo e parlare al nuovo governatore. Quanto a De Luca, il nodo della legge Severino non favorisce certo il dialogo con i grillini, che anzi hanno già fatto partire il primo esposto contro il suo insediamento. Però De Luca è l’unico, in Campania, in grado di contendere ai Cinquestelle l’elettorato che rifiuta e respinge la «politica politicante»: lui, infatti, pretende di fare lo stesso, ed è proprio su questo terreno che proverà a sfidare l’opposizione.

L’uno e l’altro, insomma, forti anche della popolarità già raggiunta come sindaci delle loro città, promettono ora di giocare a tutto campo. Di dedicarsi anima e corpo all’istituzione regionale, ma insieme anche di rilanciare la questione meridionale sul piano nazionale. Hanno i numeri per farlo, perché il successo è più loro che di Renzi o del Pd, e hanno pure quel tratto contundente che forse, dopo vent’anni di trazione nordista della seconda Repubblica, è necessario per scrollarsi di dosso un bel po’ di pregiudizi e farsi ascoltare nei palazzi romani.

C’è poi un non piccolo riflesso di questa nuova geografia politica tutto interno al partito democratico. Si possono mettere in fila, uno dopo l’altro, i fattori che verranno a sommarsi nelle prossime settimane, costringendo Renzi a qualche riflessione in più. Non si tratta, per il premier, di una sconfitta: è vero che se si guarda al numero dei votanti il Pd è andato dietro non solo le europee, ma anche dietro le regionali del 2010, ma è una comparazione che non tiene conto del dato dell’affluenza. I voti sono cioè calati per tutti, in termini assoluti: perfino per i grillini, se raffrontati al dato delle politiche. Per giunta, alle europee Renzi era in piena luna di miele, mentre ormai governa da un anno, ed è noto che le elezioni cosiddette di mid-term sono sempre una prova difficile per il governo in carica (vedasi Hollande in Francia o Rajoy in Spagna). Altro è il dato con cui Renzi deve misurarsi: è, anzitutto, il forte carisma personale di cui godono sia De Luca che Emiliano; è il loro radicamento territoriale altrettanto forte; è insomma, la possibilità di far pesare un successo elettorale conseguito con le sole proprie forze, e non al traino del governo centrale. L’uno e l’altro, per di più, non provengono dalle fila del renzismo, non sono dentro alcun cerchio magico, e sono stati candidati fra mugugni e perplessità, per non dire di esplicite resistenze. In campagna elettorale, Renzi ha addirittura evitato di incontrare Emiliano, mentre con De Luca ha trascorso mezza giornata, poco meno, senza fare campagna elettorale ma concedendo qualche foto-opportunity: non molto di più. Infine, è vero che il Pd governa ormai quasi tutte le regioni italiane e l’intero Mezzogiorno, ma al Sud è difficile chiamarlo il partito di Renzi. Si tratta piuttosto della somma di molti potentati locali. Ora che però sono  giunti alla guida delle rispettive regioni, De Luca ed Emiliano hanno la possibilità di costruire qualcosa di più di un tessuto di rivendicazioni localistiche: una proposta politica, un progetto complessivo di sviluppo, forse persino una nuova classe dirigente. Se è così, per venirne a capo anche a Renzi, non solo a Dante nell’Inferno, converrà di qui innanzi tenere altro viaggio.

(Il Mattino, 2 giugno 2015)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...