Perché negare i luoghi comuni non la camorra

1Contestare l’espressione usata da Rosy Bindi per denunciare la presenza camorristica a Napoli tutto vuol dire meno che sminuire il fenomeno, o addirittura negarlo. Invece, il Presidente della Commissione Antimafia ha ribattuto alle critiche in questi termini. Al primo sproposito ne ha dunque aggiunto un altro: prima ha detto che la camorra é un dato costitutivo di Napoli, poi ha tacciato i suoi critici di negazionismo. Come se solo sparandola grossa si dimostrasse consapevolezza del problema. Eppure è semplice: se la camorra fosse costitutiva della città, della società napoletana, vorrebbe dire che Napoli non sarebbe Napoli se la camorra non fosse in città. Si scelgano gli esempi che si vogliono più appropriati, per una rapida istruzione sull’uso della parola: la laguna è costituiva di Venezia, nel senso che Venezia non sarebbe la stessa senza i suoi canali. Né lo sarebbe Roma senza il Colosseo, o senza la presenza della Chiesa cattolica nella sua storia.
Ma si può provare anche così: forse che Napoli sarebbe la stessa senza la lingua napoletana? Certo che no: la lingua napoletana, e la cultura che in essa si esprime, sono dunque costitutivi della città. Ecco cosa si vuol dire: togliete a Napoli la sua lingua e l’avrete resa irriconoscibile, amputandola di una parte fondamentale della sua identità.
Orbene: si vuol dire lo stesso della camorra? Che Napoli cioè perderebbe un pezzo della sua identità il giorno in cui fosse definitivamente sconfitta la camorra? Che perciò i napoletani si trovano di fronte all’aspro dilemma: o restano se stessi, e allora devono imparare a convivere con la camorra, oppure debbono inventarsi un’altra storia e un’altra identità, se vogliono liberarsi per davvero della criminalità organizzata?
Questo basta per l’uso delle parole, gli infortuni linguistici e le pezze peggiori del buco. Ma perché Rosy Bindi ha insistito, è ritornata sulle sue parole, non ha chiesto scusa e anzi ha rincarato la dose? Non è certo solo per una questione di orgoglio, o per evitare una figuraccia. Tant’è vero che a darle man forte è intervenuto pure il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti. Anche per lui, non devono far scandalo le parole del Presidente Bindi, ma casomai la reazione che hanno sollevato. Negare infatti che la camorra sia un elemento costitutivo della società napoletana significa «non guardare in faccia la realtà». E se non si può negare che le mafie siano elemento costitutivo della società vuol dire che chi invece lo nega è un negazionista – parola che, ricordiamolo, si usa per indicare non un mero errore, ma una deliberata e infamante disonestà intellettuale.
E invece la prima regola del confronto di idee è rispettarle tutte. Cosa che si fa – sia detto incidentalmente – ospitando sullo stesso giornale opinioni anche difformi, come il Mattino non ha mancato di fare; cosa che invece si fa meno, tacciando l’interlocutore di negazionismo.
Perché però accade questo? E soprattutto perché non è sufficiente una semplice messa a punto del vocabolario, per dirimere la questione? In fondo basterebbe replicare che per «approntare gli interventi strutturali» necessari a contrastare la camorra bisognerebbe evitare di considerarla parte del paesaggio naturale della società napoletana. Per suscitare le migliori energie politiche, morali e civili bisognerebbe cioè dire esattamente il contrario di quanto si è venuti dicendo: che nessuna legge storica o sociale, men che meno antropologica o biologica, condanna i napoletani a vivere in mezzo all’illegalità e al malaffare. C’è uno slittamento inavvertito fra il dire che la camorra fa parte della società napoletana, che è un dato sociologico, e il dire che non può non farne parte. Che è invece una legge d’essenza: un dato costitutivo, appunto.
Ma daccapo: perché si produce questo slittamento? Per difetto di logica? Possibile, ma non probabile. Più probabile è che in queste posizione si esprima una certa cultura dell’emergenza, per cui non è mai abbastanza quanto è scritto nelle leggi, quanto è previsto dalle pene, quanto è possibile agli inquirenti. Una ideologia dell’inasprimento, potremmo chiamarla, parente stretta di quel populismo penale che per principio esulta quando è elevata una pena pur che sia, quando è introdotta una nuova figura di reato, quando è prolungato un termine di custodia.
Chi d’altra parte, invece di inasprire, si potrebbe mai proporre di attenuare? In verità, si dovrebbe dire piuttosto garantire, e non solo inquisire, ma daccapo: chi può permettersi di dirlo, senza rischiare imperiose squalifiche morali?
Forse, l’unica maniera per dirlo sarebbe appunto parlare in nome di quella società sana, viva, pulita, che non accetta di essere criminalizzata in blocco.
Se invece il crimine e la camorra non fossero solo un problema serio, drammatico, ma fossero addirittura un dato costitutivo di Napoli, allora questa via sarebbe preclusa, questa parola sarebbe zittita, e non vi sarebbe altra strada che quella che passa attraverso giudici e tribunali.
E invece altre strade ci sono, o perlomeno non bisogna smettere di cercarle lì dove possono e devono essere tracciate: nella politica e nella società. Rosy Bindi forse non le conosce, e conosce solo la Napoli costituita dalla camorra. Si può dunque sostenere, senza negare alcunché, che la camorra è costitutiva solo della conoscenza che Rosy Bindi ha di Napoli.

(Il Mattino, 17 settembre 2015)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...