Il tramonto del talk show

004842575-4bb4cd9b-c3eb-46c4-912b-9aceb99a227a

Il figlio terzogenito di Totò Riina, condannato per associazione mafiosa, che parla dal primo canale della televisione pubblica e promuove il suo libro: Riina family life (una cosa andrebbe detta pure sul confidenziale titolo in inglese, ma questa è un’altra storia). Salvo Riina che nel salotto televisivo più autorevole della Rai, «Porta a Porta», racconta com’è vivere, guardare la tv e mangiare biscotti in casa del capo dei capi della mafia e quanto bene lui volesse al padre e – immagino – quanto bene il padre volesse a lui.

Chi la mette così non concede attenuanti a Bruno Vespa: la trasmissione di ieri non s’aveva da fare. Chi invece riporta l’intervista e le domande del giornalista, e anche i suoi silenzi abbastanza sbigottiti ad ogni risposta reticente di Salvo Riina, che si tiene per sé ogni giudizio sugli omicidi e gli ergastoli del padre –  lasciando intendere che sì, insomma, d’accordo, ma cosa c’entra l’affetto di un figlio? – chi la mette in quest’altro modo ha tutto il motivo di ricordare la prima regola del giornalismo, che è quella di dare la notizia, e dunque di mettere il microfono dovunque vi sia una storia da raccontare e far conoscere all’opinione pubblica.

Nel primo caso Riina parla; nel secondo, invece, risponde. Nel primo caso Riina si prende i riflettori e la scena e fa pubblicità alla sua immane fatica letteraria; nel secondo, la luce gli finisce addosso per capire come sia possibile raccontare la domestica felicità di una famiglia mafiosa, lasciando fuori dalla porta di casa le stragi di Capaci, di via d’Amelio e tutte le altre vittime della mafia. Nel primo caso è soltanto spettacolo; nell’altro è autentico giornalismo.

Dove sta la verità? Vorrei prendere questa domanda alla lettera: vorrei soffermarmi sul «dove», cioè sul luogo, sullo studio, sul format. Non penso infatti che sia in discussione l’accuratezza dell’intervista. Nei commenti seguenti alla messa in onda, non ho trovato riprovazione per il tenore delle domande. Non direi nemmeno che si possa trattare della mancanza di un adeguato contraddittorio. Le parole più belle mi sono parse le prime pronunciate del figlio di Vito Schifani, uno degli agenti uccisi a Capaci, subito dopo la fine dell’intervista: povero lui, ha in sostanza detto Antonio Emanuele Schifani, povero lui, Salvo, che non ha potuto avere un’adolescenza normale e libera, come quella che ho potuto invece avere io. Che è come dire: anche quando la mafia vinceva in realtà perdeva, stava perdendo, e chi ha vinto sono io, in tutti questi anni ho vinto io per la vita che ho avuto e pure questa sera vinco io, perché non sono costretto a parlare a mezza bocca come Salvo Riina.

Di cosa si tratta allora? Di due cose, credo: della bardatura istituzionale che la trasmissione di Bruno Vespa si è data e anzi si è conquistata nel corso degli anni, e della stessa natura del talk show. Per l’una e per l’altra ragione è difficile ascoltare le parole del figlio di Totò Riina come le si può eventualmente leggere su un giornale, o magari in rete, su un qualunque canale video. Non è la stessa cosa: non c’è infatti, in questi ultimi casi, alcun supplemento di legittimazione ulteriore, che venga regalato all’intervistato. Faccio un esempio, per chiarire il punto: cosa si direbbe se Salvo Riina andasse come ospite in studio al Tg1 delle 20? Non sarebbe un po’ troppo? Eppure, se bastasse rilevare che di notizia si tratta in ogni caso, e anzi persino di uno scoop, non vi sarebbe ragione per non riservargli anche uno spazio del genere. A lui o magari al padre. E invece gli spazi – anche quelli televisivi – non sono affatto sedi neutrali; sono anzi spazi qualificati, connotati anzitutto dalla loro storia e dalla loro funzione. Qui non è in questione, io credo, la natura di servizio pubblico: una notizia è una notizia anche per la tv di Stato. Penso invece che si tratti di un vincolo meno formale ma non per questo meno robusto, per cui Porta a Porta ha potuto essere il luogo quasi ufficiale in cui Berlusconi firmava il contratto con gli italiani, o dove giungeva in diretta la telefonata diPapa Wojtyla. Poi, certo, anche quello dei racconti dei tanti delitti di cronaca nera, ma per l’appunto: non si può derubricare la mafia a un episodio in cronaca, da raccontare magari con qualche morbosità.

C’è poi la questione dei talk show. Questione che si è posta già con i Casamonica in studio, qualche mese fa. Anche in quel caso, veniva fatto di chiedersi se la normalità di una chiacchierata in un salotto televisivo non avesse dei limiti intrinseci: invece dell’inchiesta, il dibattito. Dove tutti prendono la parola allo stesso titolo, con pari educazione ed eleganza – altre volte dandosi invece sulla voce – senza che però si riesca a bucare per davvero la scena allestita. È l’ambiguità di ogni rappresentazione, che corre sempre il rischio di velare, invece di far vedere, la realtà rappresentata. Ma ci siamo talmente abituati a questa forma di intrattenimento televisivo, che abbiamo quasi perso memoria di altre forme di giornalismo, più scabrose, meno confezionate, più votate al reportage e meno al siparietto, più interessate alle voci che provengono dalla realtà e meno preoccupate di sé.  Se le polemiche di queste ore servissero a spingere la Rai in questa direzione, forse non sarebbero del tutto inutili.

(Il Mattino, 8 aprile 2016)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...