Sinistra senza voce di fronte alle urla della nuova destra

boris-michailovic-jofan-con-la-partecipazione-di-vladimir-alekseevic-scuko-e-vladimir-georgievic-gelfrejch-palazzo-dei-soviet-mosca-1933

Come quello che dice: capotavola è dove mi siedo io, così nel Pd (ma anche fuori del Pd) non sono pochi quelli che dicono che sinistra è là dove si trovano loro. Così l’ha messa Renzi ieri, e almeno su questo bisogna dargli ragione: non c’è persona di sinistra, da Marx in giù, che non abbia pensato almeno una volta che di sinistra sono solo le cose che dice lui.

Ma la giornata di ieri, e i fatti di questi settimane, raccontano tutt’altra cosa. Mentre il partito democratico avviava il suo percorso congressuale, con le dimissioni di Renzi, Nicola Fratoianni veniva eletto segretario della neonata formazione di Sinistra italiana. Di sinistre ce ne sarebbero, anzi ce ne sono dunque due, ufficialmente parlando. Però non basta. Perché in mezzo a quelle due ce ne sono già altre tre o quattro, se pure dai contorni ancora ufficiosi: c’è “Possibile”, il movimento di Pippo Civati; c’è il campo progressista di Giuliano Pisapia, in via di costituzione; c’è il drappello di Sinistra e Libertà, guidato da Arturo Scotto, che ha lasciato Sinistra italiana ancor prima che tenesse il congresso; e c’è la neonata associazione “Consenso” di D’Alema, che vorrebbe tanto fagocitare tutte le altre. E infine c’è la minoranza che uscirà dal Pd, in tutto o in parte, ma che non si sa ancora se farà un’altra cosa, diversa da tutte le altre, oppure si unirà a questa o quell’altra formazione già esistente.

In questa situazione, sarebbe facile fare dell’ironia, se la rappresentazione che la sinistra offre in questa fase non esprimesse un dramma vero, una difficoltà reale nell’affrontare uno dei frangenti più difficili della sua storia. Come un film già visto: la destra ritorna infatti prepotente, con parole d’ordine e identità ben riconoscibili, da Trump alla Le Pen, e la sinistra per tutta risposta si divide. Manca solo l’accusa di socialfascismo, perché il remake del Novecento sia completo.

Ieri Veltroni ha detto che il Pd è nato da una fusione, non da una scissione. È stata cioè una singolare eccezione. Perché nella sua storia la sinistra ha offerto molti più esempi di divisione che non di unione. Certo, li ha offerti su un terreno ogni volta diverso, perché le vicende storiche non si ripetono mai uguali, ma con almeno un motivo comune, rintracciabile nella presunzione di possedere una qualche ragione autentica, che la compromissione col potere, oppure con il governo, o con la modernità, o ancora, in termini politici, con il centro e i moderati ogni volta, rischierebbe di disperdere e consumare.

Non c’è altro modo di spiegare come i tre alfieri della minoranza, Rossi Speranza ed Emiliano, abbiano potuto ritrovarsi sotto la bandiera della rivoluzione socialista. Nessuno di loro può presentarsi infatti come un rivoluzionario di professione. Nessuno di loro ha trascorsi massimalisti. Nessuno di loro appartiene alla sinistra antagonista e anticapitalista. Però tutti e tre imputano al partito democratico di Matteo Renzi di aver smarrito le ragioni vere della sinistra, quelle che ne preservano l’autentica sostanza.

Intendiamoci: non mancano sicuramente motivi di più bassa lega per spiegare le manovre di questi giorni: i posti, le liste, la leadership. Ma resta il fatto che la coperta sotto la quale questo gioco si svolge è offerta da quel significante vuoto – si dice così – che viene riempito dall’interpretazione di volta in volta offerta di ciò che è veramente di sinistra.

Una parola-baule, insomma, dentro la quale ci si infilano cose molto diverse. E che però Renzi ieri non ha voluto lasciare alla minoranza, contestandone la pretesa di mantenerne il copyright. Di più: accusando i suoi avversari di conservare della sinistra solo la fraseologia, la prosopopea, i simboli del passato e le bandiere, senza però preoccuparsi minimamente di dargli forma compiutamente sul terreno concreto dell’azione di riforma.

Con i termini che ha impiegato – inclusione, attenzione alle periferie, diritti, terzo settore, ambiente – Renzi ha provato a sgranare il rosario di ciò che il Pd dovrà essere, o almeno di ciò che dovrà discutere, al congresso. Intanto però, ai nastri di partenza si può trovare, nel campionario delle idee della sinistra di oggi, tanto l’inno alla modernità, quanto la critica radicale della modernità; tanto l’europeismo più acceso quanto l’antieuropeismo più preoccupato; tanto il cambiamento della Costituzione quanto la sua tetragona difesa.

Secondo Bobbio, è uguaglianza il discrimine lungo il quale si costituisce l’identità della sinistra. Ma strumenti, politiche, istituzioni che debbono servire per contrastare le disuguaglianze non discendono univocamente da quella semplice idea. Basta vedere.

In primo luogo, le istituzioni. Renzi si è speso su una riforma della Costituzione che doveva dare al Paese istituzioni più semplici e meglio funzionanti. Per la minoranza che il 4 dicembre ha votato no, quelle riforme agevolavano una pericolosa deriva autoritaria: riducevano gli spazi di democrazia, compromettevano garanzie fondamentali. Erano parte di una cultura politica che privilegia il momento della decisione rispetto a quello della partecipazione. In altre parole: erano di destra. Stessa cosa l’Italicum: per Renzi, la nuova legge elettorale definiva finalmente i lineamenti di una democrazia decidente; per le minoranze, in combinato disposto con la riforma costituzionale, metteva in pericolo gli equilibri democratici del Paese.

In secondo luogo, le politiche. Il governo Renzi è intervenuto con leggi di riforma in diversi settori: nella pubblica amministrazione, nella scuola, nella giustizia, nel lavoro. Gli accenti che ha usato la minoranza in queste settimane di passione non hanno mai previsto una sola parola di difesa dell’attività di governo. Sbagliato il Jobs act, che nelle intenzioni del governo modernizza il mercato del lavoro, mentre per l’altra sinistra porta la macchia incancellabile di avere il gradimento di Confindustria e l’ostilità dei sindacati. Sbagliata la posizione sul referendum anti-trivelle: per la sinistra di governo bisognava contrastare ostilità preconcette, di carattere puramente ideologico, mentre per l’altra sinistra bisognava piuttosto contrastare i petrolieri, e magari il potere corruttivo dei loro denari. Sbagliata la riforma della scuola, che per il governo andava in direzione di una maggiore autonomia scolastica, e per gli oppositori invece mortificava irreparabilmente la figura docente. E ancora: sulla giustizia, la sinistra contiene fermenti garantisti e livori giustizialisti; sugli 80 euro, per gli uni sono stati la più grande operazione di redistribuzione fatta in questi anni; per altri sono stati poco più di una mancetta – come i bonus ai 18enni o ai docenti della scuola –, soldi che sarebbero stati meglio spesi in investimenti infrastrutturali.

Infine gli strumenti, cioè il partito. Renzi ha sicuramente assecondato una certa voga anti-politica. Di tagliare poltrone non ha mai rinunciato a parlare. Dell’abolizione del finanziamento pubblico ha fatto quasi un punto d’onore. Quanto però a valorizzare il partito come comunità, o come strumento di elaborazione intellettuale, non ha mai avuto molta voglia. Gli iscritti sono così calati: fisiologicamente per gli uni, patologicamente per gli altri. Il che si è tradotto in convinzioni di segno opposto anche in questa materia: sulla natura della leadership, sull’uso dei nuovi strumenti di comunicazione, sull’importanza del radicamento territoriale, sulle funzioni da assegnare alla dirigenza del partito.

Insomma, il partito democratico – e più in generale il frastagliato arcipelago della sinistra – ha dovuto in questi anni discutere praticamente su tutto, provando a fornire declinazioni diverse su ciascuno di quei temi. Ma nella stretta finale le distinzioni vengono meno, le differenziazioni sfumano, e rimane il significante da riempire sempre allo stesso modo: da un lato ci sono quelli che Renzi è un intruso (e un sopruso), dall’altro quelli che le anticaglie meglio mollarle una volta per tutte, la sinistra non può più essere quella.

E allora cos’è? È Zeman, ha detto una volta D’Alema e anche a lui, almeno su questo, bisogna dargli ragione: gioca bene ma prende tanti gol. A dire il vero, fa pure qualche autogol.

(Il Mattino, 20 febbraio 2017)

Annunci

2 risposte a “Sinistra senza voce di fronte alle urla della nuova destra

  1. Andrea Gualandi

    Nell’immaginario emergente il palazzo d’inverno oggi è a Bruxell, qualcuno si sta incaricando di suonare la carica, mentre da sinistra, parola ormai fiacca, significante vuoto appunto, si balbetta di una trattativa. Ecco la contraddizione. Stretti tra l’impensabile via stalinista del comunismo nazionalee e l’internazionalismo troppo contigua alla globalizzazione mercimoniosa dei corpi, la classe operaia non è pervenuta, si è nascosta? Veltroni si rivolge nel 2007 ai lavoratori e piccoli imprenditori, non grandi, piccoli. Poi , cosa vuoi non trattare con Marchionne, a cui Obama, non Bush, sta facendo ponti d’oro? Renzi cavalca veloce, cercando di dominarle, il libero mercato e le nuove tecnologie da futurista de sinistra, sbigottiti i compagni delle coop lo guardano allontanarsi, per un po pensano: <> macché, Renzi non ci pensa nemmeno lui guarda avanti, è proiettato nel futuro e chi lo ama lo seguirà. Allora i compagni, alcuni, cominciano a gridare <> Renzi non li sente nemmeno, lui sta volando. Parte un colpo di fucile e l’ala di Renzi si spezza, <> Lo guardano con malcelata soddisfazione nella polvere, ormai è cotto, pensano, ma lui non ne vuole sapere di smettere di correre da capobranco. E’ un attimo, con un colpo di reni si tira in piedi e sparisce dalla loro vista.
    La sinistra si sbriciola, nello lungo inverno del socialismo un movimento carsico ha decostruito l’impianto ideologico leninista-marxiano-gramsciano
    Ne corso del 900, a parte il congresso del 1921, ogni volta che voleva restare nella gorgo della storia il movimento socialista per non diventare irrilevante ha dovuto lasciare per strada pezzi di anima. Quei brandelli, lasciati per strada, hanno continuato a far sentire il loro grido. Renzi ha deciso di non ascoltare più quelle grida, come invece avevano sempre fatto i suoi predecessori. Con cinismo e con il “sorriso sulle labbra” guarda dritto e mette l’orecchio al futuro. Il mondo impaurito si sta fermando, lui vuole andare avanti, chi si ferma è perduto, pensa. Tutti giorno ci dicono: occhio ai mercati, beh decidiamoci, o seguiamo Renzi in questa folle corsa verso il futuro, tentando di domare l’onda del mercato oppure fermiamo le macchine ma le fermiamo davvero e torniamo al sogno bucolico di Pasolini.

  2. Andrea Gualandi

    Nel pezzo precedente alcuni pezzi si erano persi, ora è intero.

    Nell’immaginario emergente il palazzo d’inverno oggi è a Bruxell, qualcuno si sta incaricando di suonare la carica, mentre da sinistra, parola ormai fiacca, significante vuoto appunto, si balbetta di una trattativa. Ecco la contraddizione. Stretti tra l’impensabile via stalinista del comunismo nazionalee e l’internazionalismo troppo contigua alla globalizzazione mercimoniosa dei corpi, la classe operaia non è pervenuta, si è nascosta? Veltroni si rivolge nel 2007 ai lavoratori e piccoli imprenditori, non grandi, piccoli. Poi , cosa vuoi non trattare con Marchionne, a cui Obama, non Bush, sta facendo ponti d’oro? Renzi cavalca veloce, cercando di dominarle, il libero mercato e le nuove tecnologie da futurista de sinistra, sbigottiti i compagni delle coop lo guardano allontanarsi, per un po pensano: adesso si volta e ci sorride poi si ferma e ci farà passare avanti, è pur sempre un boy-scout. Macché, Renzi non ci pensa nemmeno lui guarda avanti, è proiettato nel futuro e chi lo ama lo seguirà. Allora i compagni, alcuni, cominciano a gridare: fermati, aspetta non correre così. Renzi non li sente nemmeno, lui sta volando. Parte un colpo di fucile e l’ala di Renzi si spezza: te l’avevamo detto che andavi a sbattere a correre così. Lo guardano con malcelata soddisfazione nella polvere, ormai è cotto, pensano, ma lui non ne vuole sapere di smettere di correre da capobranco. E’ un attimo, con un colpo di reni si tira in piedi e sparisce dalla loro vista.
    La sinistra si sbriciola, nello lungo inverno del socialismo un movimento carsico ha decostruito l’impianto ideologico leninista-marxiano-gramsciano
    Ne corso del 900, a parte il congresso del 1921, ogni volta che voleva restare nella gorgo della storia il movimento socialista per non diventare irrilevante ha dovuto lasciare per strada pezzi di anima. Quei brandelli, lasciati per strada, hanno continuato a far sentire il loro grido. Renzi ha deciso di non ascoltare più quelle grida, come invece avevano sempre fatto i suoi predecessori. Con cinismo e con il “sorriso sulle labbra” guarda dritto e mette l’orecchio al futuro. Il mondo impaurito si sta fermando, lui vuole andare avanti, chi si ferma è perduto, pensa. Tutti giorno ci dicono: occhio ai mercati, beh decidiamoci, o seguiamo Renzi in questa folle corsa verso il futuro, tentando di domare l’onda del mercato oppure fermiamo le macchine ma le fermiamo davvero e torniamo al sogno bucolico di Pasolini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...