Labour rivitalizzati. L’impresa di Corbyn

blair foot

È come aver trovato un vecchio disco in vinile, averlo messo su un giradischi d’antan e avere all’improvviso scoperto che tutta la musica ascoltata negli ultimi vent’anni su cd e mp3 è semplicemente da buttare. Così appare agli entusiasti sostenitori del Labour Jeremy Corbyn, il leader che ha preso in mano nel 2015 il partito che fu di Tony Blair, nel 2015, per lanciare la sfida di un laburista d’altri tempi alla premier Theresa May, in cerca di una vittoria che sarebbe tanto imprevista quanto clamorosa.

In realtà, tra Blair e Corbyn ci sono stati prima Gordon Brown e poi Ed Miliband. E quando quest’ultimo perse le elezioni, tutto ci si aspettava meno che la vittoria di

dell’outsider Corbyn alle primarie del partito. Vecchio deputato – in Parlamento dall’inizio degli anni Ottanta – su posizioni perennemente di minoranza, pacifiste e socialisteggianti, Corbyn ha invece conquistato il Labour tra ali di giovanilissimo entusiasmo, spostandolo parecchio a sinistra: massicci investimenti pubblici in sanità e trasporti, tassazione pesantemente progressiva dei redditi a scapito dei ceti medio-alti, lotta alla precarietà del lavoro; abolizione delle tasse universitarie, nazionalizzazione delle ferrovie. Rispetto ai programmi socialisti e socialdemocratici di una volta qualche differenza però c’è, e attiene al contesto europeo e internazionale in cui si situa oggi il Regno Unito del dopo Brexit. Perché un conto è muoversi in una fase espansiva, di crescita dell’economia nazionale e internazionale, un altro è proporsi di attuare un programma del genere con la formula, di sovietica memoria, del socialismo in un paese solo. La ritrovata sovranità del Paese (che peraltro nell’Unione europea già godeva, prima del referendum dello scorso anno, di condizioni di particolare favore) è diventata intanto la retorica dominante non solo del partito conservatore, che molla i valori di apertura del liberalismo in nome della sicurezza e di un ritrovato orgoglio nazionale, ma anche dei socialisti in cerca di un rinnovato rapporto con i ceti popolari spaventati dalla immigrazione e stufi delle politiche di austerity, dei tagli alla spesa e della riduzione dei servizi pubblici.

Populismo della più bella marca? Può darsi. Ma se il partito laburista ha virato a sinistra è anche perché le aperture al centro del New Labour, negli anni del blairismo, hanno molto meno senso quando lo spazio politico del centro si riduce, le diseguaglianze aumentano e invece diminuisce l’indice di fiducia (e la stessa consistenza) delle classi medie. Che è quello che sta accadendo oggi, in Gran Bretagna e non solo.

Così Corbyn, col suo ritorno allo Stato e al welfare, forse non vincerà ma intanto convince. O meglio: fra i suoi, cioè nelle primarie per la leadership del Labour party, vince non una ma due volte: nel 2015 e poi di nuovo nel 2016. E lievita il numero degli iscritti al partito. Nonostante i gruppi parlamentari contrari, nonostante Tony Blair (o magari proprio grazie alla sua avversione, visto il discredito in cui in patria è caduto fra gli elettori di sinistra per via delle bugie sulla guerra in Iraq), nonostante lo scetticismo dei grandi giornali, nonostante i sondaggi che gli riconoscono una bassa credibilità come Primo Ministro: nonostante tutto Corbyn si è preso il partito.

Dopodiché le cose di sinistra che ha cominciato a dire hanno fatto breccia, soprattutto nell’elettorato giovanile (con un consenso che presso le giovani generazioni ha viaggiato intorno al 70%). In piazza e nei comizi il vecchio Jeremy, barba brizzolata e maniche rimboccate, ha funzionato alla grande, anche se ingessato dentro l’etichetta ufficiale del Regno, tra un cappellino della Regina Elisabetta e un the a Downing Street, solo in pochi riescono ad immaginarlo.

Questa poi è la ragione per cui Corbyn ha dovuto vincere scetticismi e diffidenze. Che lo si vota a fare un leader che rassicura la propria base sociale di riferimento, ma ha nulle o quasi nulle possibilità di conquistare la maggioranza del Paese?

I critici malevoli hanno perciò paragonato Jeremy Corbyn a Michael Foot. Foot fu un leader molto popolare del partito laburista, che ebbe però la sventura di scontrarsi alle elezioni contro la Lady di Ferro, Margaret Thatcher. E di perdere rovinosamente. Molto amato, molto stimato, Foot aveva grandi capacità oratorie e un profilo morale indiscutibile. Ma parlava solo agli iscritti e ai simpatizzanti tradizionali del partito, senza riuscire a rimescolare almeno un po’ le carte. Ora è vero: Corbyn ha un profilo politico assai simile, ma soprattutto riesce a dare una visione forte dei compiti e degli obiettivi di un partito di sinistra, dopo anni da tutti trascorsi a spiegare che le ideologie sono finite. Invece no. E lui, che sembrava finito ai margini della politica, ha invece potuto conquistare a sorpresa il centro della scena. Un gran risultato, anche se alla fine gli applausi dovessero toccare alla nuova signora della politica britannica.

(Il Mattino, 9 giugno 2017)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...