Dammi sei parole

Bella iniziativa del Corriere, che nelle pagine della cultura ripropone il leggendario romanzo in sei parole di Ernest Hemingway: For sale: baby shoes, never worn (In vendita: scarpette neonato, mai usate). Ci sono anche altri esempi illustri (di Margaret Atwood, di Bruce Sterling, di Dave Eggers). Larry Smith ha aperto un sito, dove è possibile mandare il proprio romanzo breve. Per ora, Smith ne ha fatto un libro, uscito ieri in USA.

Non mi voglio sottrarre. E ci provo. In lingua originale: I care, We can, They win. (Sta anche su Left Wing)

5 risposte a “Dammi sei parole

  1. We could, they won. Who cares?

  2. utente anonimo

    Al despertar, el dinosaurio seguía ahí.
    Augusto Monterroso
    (Il Venerabile)

  3. utente anonimo

    Los detuvieron por atentado al pudor. En realidad, su amor no era sencillo. El padecía claustrofobia, y ella, agorafobia. Era sólo por eso que fornicaban en los umbrales.
    Mario Benedetti
    (Il Venerabile)

  4. http://stamp[..] I earn, you read, they pay Chissà quanto lo pagano Beppe Severgnini per ognuno dei suoi orrendi "Passaggi" sul Corriere. Trecento euro? Quattrocento? Beh, oggi qualche spicciolo potrebbe dirottarlo verso il suo "ispiratore", [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...